In Medio Oriente cristiani nel mirino

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Sempre più incandescente la situazione nei Territori Palestinesi: miliziani di Hamas hanno fatto esplodere una forte carica in un tunnel sotto una base delle forze di sicurezza fedeli al presidente Abu Mazen a Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza. Secondo alcune fonti ci sarebebro più di dieci morti. Il braccio armato di Hamas ha lanciato, poi, un nuovo ultimatum intimando ai miliziani di Al Fatah di deporre le armi entro questa sera. Nelle strade di Gaza, intanto, proseguono gli scontri tra i miliziani dei due partiti. Il servizio di Amedeo Lomonaco:
 
Nella Striscia di Gaza si continua a combattere. Otto miliziani di Al Fatah sono rimasti uccisi, questa mattina, durante scontri con militanti di Hamas. Il bilancio dei combattimenti di questi ultimi giorni è di almeno 55 morti. E’ inoltre caduto nel vuoto l’appello ad una tregua lanciato ieri dal primo ministro, Ismail Haniyeh. Molti uffici delle forze di sicurezza sono ora sotto il controllo di miliziani del gruppo radicale. Il presidente palestinese, Abu Mazen, ha avvertito che se le violenze non cesseranno, la situazione arriverà inevitabilmente al collasso. L’ONU e la Caritas hanno lanciato un nuovo appello manifestando preoccupazione, soprattutto, per i palestinesi che dipendono dagli aiuti umanitari.

Contesto politico sempre più intricato

Il quadro, anche sul piano politico, è sempre più intricato. Fatah e Hamas hanno dato vita, lo scorso mese di marzo, ad un governo di unità nazionale con lo scopo di porre fine alle violenze nei Territori. Ma le armi non hanno taciuto e le tregue, finora concordate dalle parti, sono state regolarmente infrante. La frattura tra i due partiti è alimentata da divergenze sulle misure da applicare per riportare l’ordine. In particolare, il controllo delle forze di sicurezza costituisce la principale fonte di conflitto da quando Hamas, nel gennaio del 2006, ha vinto le elezioni politiche.

Forti contrapposizioni tra Hamas e Fatah

Per contrastare il predominio di Al Fatah sulle forze di sicurezza dell’Autorità Nazionale Palestinese, Hamas ha creato una sua forza paramilitare ritenuta illegittima dal presidente Abu Mazen. Ieri Al Fatah ha accusato inoltre Hamas di preparare un colpo di Stato per far degenerare la situazione fino alla guerra civile. Il gruppo radicale ha minacciato di uscire dal governo. In questo scenario la popolazione civile continua a chiedere, infine, immediati sforzi per la pace. Diverse centinaia di palestinesi sono scesi in strada, questa mattina, nel centro di Gaza per chiedere la fine delle violenze.

Intervista con Magdi Allam

Nell’area mediorientale i cristiani continuano ad avere vita difficile per la loro fede e spesso sono costretti alla fuga. La situazione più grave è certamente quella in Iraq. In molti altri Paesi islamici, i cristiani sono vittime di vessazioni e discriminazioni. Per denunciare questa situazione, il vicedirettore del quotidiano “Il Corriere della Sera”, Magdi Allam, musulmano, ha lanciato un appello rivolto alla società civile e ai cattolici. A loro chiede che aderiscano ad una manifestazione a Roma il prossimo 30 giugno, in concomitanza con la festa liturgica dei Protomartiri Romani. Ma quali sono state le molle che hanno alimentato, negli ultimi anni, questa campagna contro i cristiani? Amedeo Lomonaco lo ha chiesto proprio a Magdi Allam:

R. – Il dilagare di un’ideologia dell’odio, della violenza e della morte che gradualmente ha avvelenato il cuore e le menti degli arabi e dei musulmani. Ed è in questo contesto che i cristiani oggi sono il bersaglio principale di estremisti e terroristi islamici e i fatti indicano, in modo inequivocabile, che stiamo assistendo ad una graduale scomparsa dei cristiani dal Medio Oriente.

Il dramma dell’esodo

D. – Come invertire questa tendenza e come bloccare, se possibile, l’esodo dei cristiani?

R. – Dobbiamo promuovere una forte iniziativa a livello internazionale che affermi la libertà religiosa nei Paesi musulmani; è necessaria una forte mobilitazione internazionale per contrastare l’estremismo e il terrorismo islamico e far sì che la classe politica e tutti coloro che hanno la responsabilità di tutelare il bene e l’interesse della collettività, assumano delle azioni coerenti con il loro mandato.

Persecuzione dei cristiani è una tragedia anche per i musulmani

D. – E far capire anche ai governi dei Paesi arabi che queste barbarie sono gravissime anche per le popolazioni musulmane…

R. – Infatti la persecuzione dei cristiani è una tragedia non solo per i cristiani ma anche per quei musulmani che saranno costretti a sopravvivere in regimi totalitari. In regimi all’insegna di ideologie della morte, della violenza, dell’odio. Sono i musulmani quelli che alla fine pagheranno il prezzo più alto. Saranno quelli che non avranno alternativa che soccombere all’arbitrio di questi estremisti e di questi tiranni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *