San Cornelio, Papa dopo 14 mesi di sede vacante

Pontefice Da Fino a Luogo di nascita
21 Fabiano 236 250 Romano

Cornelio viene eletto Papa 14 mesi dopo il martirio di Fabiano. Le persecuzioni sono la causa di questa lunga sede vacante. Nel 250 l’imperatore Decio aveva ordinato a tutti i sudditi di onorare le divinità pagane. Chi compie sacrifici, riceve il libello e non viene considerato un nemico dello Stato. Chi si rifiuta, affronta il carcere, la tortura o la clandestinità. Dopo la cessazione delle persecuzioni e l’elezione di di Papa Cornelio, molti cristiani che per paura hanno rinnegato la loro fede, vorrebbero tornare a far parte della Chiesa. Si creano due fazioni: quella degli indulgenti e quella dei cristiani fautori di una severa epurazione. Per l’elezione di Cornelio,che sostiene la linea più moderata, è decisivo l’appoggio dei vescovi africani e in particolare di San Cipriano.

Il martirio

Dopo l’elezione, Cornelio, deve anche affrontare uno scisma provocato dal dotto prete Novaziano, che ha retto la Chiesa romana in tempo di sede vacante. Di forma una comunità di cristiani dissidenti che durerà fino al V secolo. Cipriano affianca Papa Cornelio e si batte contro Novaziano, affermando l’unità della Chiesa universale. Dopo la morte, in guerra, dell’imperatore Decio, il suo successore è Treboniano Gallo. Perseguita i cristiani perché “voce del popolo” li accusa di aver portato la peste, I cristiani sono additati come “untori”. Viene arrestato anche Papa Cornelio, che muore in esilio nel 253 a Centumcellae (antico nome di Civitavecchia). Viene definito “martire” da Cipriano. La Chiesa ricorda San Cornelio il 16 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *