Vescovi europei e nordamericani in Terra Santa

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Prosegue il viaggio in Terra Santa del Gruppo di Coordinamento delle Conferenze episcopali di Europa e Nord America a sostegno delle comunità cristiane locali. Durante la loro visita nei luoghi di Gesù, i presuli stanno incontrando autorità civili e religiose, semplici cittadini e fedeli delle varie confessioni. Ascoltiamo al microfono di Amedeo Lomonaco il custode di Terra Santa, padre Pierbattista Pizzaballa:

R. – E’ una visita importante, che ancora una volta serve per rafforzare il legame tra le Chiese nel mondo e le Chiese in Terra Santa. Non è una visita che cambierà sicuramente le sorti politiche di questo Paese – la nostra vita continuerà ugualmente – ma è un segno di solidarietà molto forte.

Incontro con le comunità locali

D. – Durante la visita i vescovi incontrano le comunità locali, legando la loro solidarietà alle testimonianze di vita. Testimonianza e solidarietà sono i volti della speranza cristiana in Terra Santa…

R. – Sì, credo che sia l’elemento forse più bello e interessante: non soltanto quello di fare delle conferenze, ma di incontrare i volti, le persone, le esperienze. Questo è già un grandissimo rafforzamento, anzitutto per la comunità cristiana locale, ma anche – penso – per i vescovi, che tornano ogni volta a casa, ricchi di esperienze da portare poi nelle loro diocesi.

Situazione in Terra Santa

D. – Quale situazione trovano proprio i vescovi in Terra Santa e soprattutto quali sono oggi le condizioni di vita della comunità cristiana?

R. – Le condizioni di vita della comunità cristiana sono fragili, come ormai è noto da tempo. I cristiani sono un numero sempre più ridotto. Sono una minoranza che fa fatica ad avere segni esterni, pubblici, di visibilità, con prospettive di sviluppo economico e politico sempre molto difficili. Sono situazioni che, purtroppo, ormai conosciamo e che hanno bisogno di soluzioni stabili, che dipendono però molto anche dalla capacità della politica di dare risposte. Cosa che in questo momento, purtroppo, non si vede.

Ecumenismo e libertà religiosa

D. – Tra i temi al centro della visita dei vescovi europei e nordamericani ci sono anche l’ecumenismo e la libertà religiosa…

R. – L’ecumenismo in Terra Santa, in Israele, nei Territori Palestinesi è un problema non solo teologico, ma anzitutto pastorale, perché le comunità cristiane vivono insieme e non sempre, purtroppo, in Terra Santa diamo esempio di armonia dei rapporti. Quindi, è un tema vissuto in maniera molto profonda da tutti. Per quanto riguarda la libertà religiosa, non abbiamo i problemi che ci sono in altri Paesi del Medio Oriente, come Iraq o Egitto, però non sempre l’accesso ai luoghi santi e la libertà di culto vanno insieme alla libertà di coscienza e di espressione.

Comunità cristiana del Medio Oriente

D. – Quale è la forza della comunità cristiana del Medio Oriente, scossa dai recenti attentati in Iraq ed Egitto, ma sempre saldamente ancorata alla propria fede?

R. – E’ una comunità molto piccola, molto fragile con tanti problemi, però ha anche una motivazione molto profonda, molto forte radicata nel territorio, nella tradizione, nella fede, che tutti hanno ricevuto dai propri padri e che viene vissuta non solo come tradizione, ma anche con un senso di identità e di appartenenza molto forte. Questa è la testimonianza più forte che la comunità cristiana può dare in Terra Santa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *