Udienza sull’esposizione del Crocifisso nei luoghi pubblici

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

E’ durata stamani circa tre ore a Strasburgo l’udienza davanti alla Gran Camera della Corte europea per i diritti dell’uomo sul caso del Crocifisso nelle scuole pubbliche d’Italia. Alla Corte aveva fatto ricorso il governo italiano, contestando una sentenza dello scorso novembre con cui si stabiliva che l’esposizione del Crocifisso nelle scuole pubbliche costituisce una violazione del principio di libertà religiosa tra gli alunni. La decisione dei giudici sarà resa nota tra alcuni mesi. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

Ai 17 giudici della “Grande Chambre” della Corte europea dei Diritti dell’uomo è spettato il compito di ascoltare le ragioni del governo italiano che ha fatto ricorso contro la sentenza emessa il 3 novembre scorso dalla stessa Corte. Nella sentenza, si affermava che la presenza del Crocifisso nelle aule delle scuole pubbliche costituisce una violazione dei diritti dei genitori a educare i figli secondo coscienza e allo stesso tempo una limitazione della libertà religiosa degli alunni. L’udienza è stata scandita dalla richiesta dei giudici, prima al rappresentante legale del governo italiano e poi del ricorrente, di esporre le proprie argomentazioni.

Da vari Paesi presentate memorie a sostegno dell’Italia

Quelle del governo italiano sono state presentate dal giudice Nicola Lettieri. Per la parte ricorrente, la cittadina italiana di origine finlandese, Soile Lautsi, che pretende di togliere la croce dalle aule scolastiche, è intervenuto l’avvocato Nicolò Paoletti. Dieci Paesi membri del Consiglio d’Europa, 33 parlamentari, alcune Ong e associazioni hanno inoltre presentato memorie a sostegno dell’Italia. La decisione sarà definitiva ma, secondo fonti della Corte, trascorreranno per prassi dai sei mesi ad un anno prima che la sentenza venga resa pubblica.

Intervista con Pierluigi Fornari

Su alcuni degli aspetti rilevanti di questa udienza si sofferma l’inviato di Avvenire a Strasburgo, Pierluigi Fornari, intervistato da Amedeo Lomonaco:

R. – E’ importante il fatto che in questo dibattito, oltre all’Italia, dieci Paesi abbiano presentato le memorie, tra cui Stati ortodossi e anche dell’Europa ex-comunista.

In difesa dei 10 Paesi un giurista ebreo

D. – E poi un altro aspetto rilevante è che a difendere otto di questi dieci Paesi sia un giurista ebreo, il prof. Joseph Weiler …

R. – E’ stato molto interessante, e anche toccante, vedere un ebreo osservante – questa mattina aveva la kippah in testa – difendere il Crocifisso, la possibilità di esporre il Crocifisso nelle scuole. Il professor Weiler ha fatto un discorso di grandissimo spessore, inquadrando il problema nell’orizzonte della post-modernità in cui bisogna conciliare le tradizioni, le identità nazionali con le libertà individuali, con le minoranze. Molto intelligentemente, ha detto che questo rapporto si può sviluppare in modo tollerante, in modo pluralista all’interno della tradizione. E lo stesso simbolo cristiano del Crocifisso può aiutare in questo.

Difesa della laicità

D. – Su quale argomentazione, invece, ha fatto leva la controparte, quella della signora Lautsi che pretende di togliere la Croce dalle aule scolastiche?

R. – Una difesa strenua della laicità, richiamando alcune sentenze della Corte costituzionale. Però, mi sembra, che proprio da queste sentenze emerga una concezione della laicità aperta, non rigida. Una concezione nella quale la presenza della dimensione religiosa nello spazio pubblico non solo è concessa, ma in qualche modo anche favorita. Mi sono sembrati, in qualche modo, argomenti un po’ deboli. Il problema di fondo è che i valori universali non possono essere difesi sulla base di una rivendicazione di diritti individuali. Devono essere difesi alla luce dei principi di diritto universale che, in fondo, sono stati all’origine della Dichiarazione e della Convenzione dei diritti dell’uomo. E tale Dichiarazione ha dato origine proprio alla Corte di Strasburgo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *