Tragedia nella Repubblica Democratica del Congo

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Sono ancora da accertare le cause del deragliamento del treno merci, carico di passeggeri clandestini, avvenuto nella notte nella Repubblica Democratica del Congo. L’ultimo bilancio delle vittime parla di almeno 100 morti, ma sembra purtroppo destinato a crescere. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

 

Una rete ferroviaria risalente all’epoca coloniale, la presenza di numerosi passeggeri clandestini ed il malfunzionamento della locomotiva hanno reso ancora più drammatiche le conseguenze dell’incidente avvenuto, nella notte, in una regione centrale della Repubblica Democratica del Congo. Un treno merci è deragliato provocando la morte di almeno 100 persone, ma il bilancio sembra destinato ad aggravarsi. Si teme, infatti, che tra le lamiere siano rimaste intrappolate altre persone. In base alle prime ricostruzioni, non ancora verificate, un guasto ha impedito al macchinista di azionare i freni. La motrice è quindi uscita dai binari trascinando le dieci carrozze del convoglio.

Le vittime erano “passeggeri clandestini”

L’amministratore delegato delle ferrovie del Paese africano ha poi precisato che le vittime erano “passeggeri clandestini che hanno l’abitudine di prendere posto sui vagoni merci all’insaputa della polizia”. Nella Repubblica Democratica del Congo gli incidenti ferroviari sono frequenti a causa delle fatiscenti condizioni della rete, costruita oltre 100 anni fa durante il periodo coloniale belga e non sottoposta a manutenzione costante dal 1960.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *