Strage di cristiani in Iraq

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

In Iraq sono giorni di dolore e sgomento dopo l’attentato compiuto domenica scorsa e costato la vita a 58 persone, tra cui otto bambini, dieci donne e due sacerdoti. A Baghdad oggi si sono tenute le esequie di padre Tha’ir Saad e di padre Wasim Boutros. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

I funerali dei due sacerdoti si sono tenuti nella chiesa caldea di San Giuseppe, non lontano da quella siro cattolica di Nostra Signora della Salvezza, teatro del brutale attentato di domenica. Un attacco che poteva essere evitato. A renderlo noto sono oggi le autorità irachene. Nei giorni scorsi, infatti, fonti di intelligence avevano rivelato che Al Qaeda stava pianificando di attaccare delle chiese cristiane nel Paese arabo. Dall’Egitto arriva, poi, la smentita di quanto asserito dai terroristi nelle loro rivendicazioni. La Chiesa copta nega che donne convertite all’islam siano tenute prigioniere in monasteri egiziani. ‘El Watani’, storico settimanale dei copti d’Egitto, precisa che le donne menzionate nella rivendicazione “avevano lasciato le loro case per disaccordi familiari”.

Si teme un esodo di cristiani

“Non vi è stata da parte loro alcuna conversione all’islam” – hanno sostenuto le massime autorità religiose musulmane. Le autorità irachene hanno inoltre chiuso gli uffici di Baghdad e di Bassora della tivù Al-Baghdadia, contattata telefonicamente dai terroristi durante il sequestro degli ostaggi. Il direttore e un altro dipendente sono stati accusati di complicità con i terroristi per aver trasmesso le loro richieste. La Chiesa irachena teme infine che l’attacco terroristico possa provocare un nuovo esodo di cristiani dall’Iraq. Secondo stime fornite da diversi vescovi del Paese arabo, la popolazione cristiana irachena oggi si attesta sulle 400 mila unità contro il milione e mezzo del 2003. Su 65 monasteri e chiese presenti a Baghdad si calcola che circa 40 abbiano subito attentati.

Intervista con mons. Philip Najim

L’attentato compiuto domenica scorsa nella cattedrale siro-cattolica di Baghdad è stato fermamente condannato dalla comunità internazionale. Il Consiglio mondiale delle Chiese parla di “atto criminale di terrorismo”. Parole a cui fanno eco anche quelle del procuratore caldeo a Roma, mons. Philip Najim, intervistato da Amedeo Lomonaco:

R. – Questo è un attentato barbaro, diverso dagli altri attentati. Questa volta gli estremisti sono entrati in una chiesa dove la gente stava pregando. Sono innocenti attaccati da persone che non conoscono il significato della preghiera, il significato di Dio Creatore. Perciò nessuno può dire che questo sia stato compiuto in nome di una religione, di una fede o di un Dio. Questo è un attentato contro l’umanità, contro la Chiesa, contro la religione, contro la fede, contro la dignità dell’essere umano.

Attentato condannato da tutta la comunità irachena

D. – Un attentato feroce e duramente condannato da tutta la comunità irachena…

R. – Condannato da tutta la comunità irachena perché è un attentato veramente disumano! Non è una questione di fede! Certamente, l’intenzione è quella di creare il caos. Ci sono forze oscure che sono entrate nel Paese soltanto per creare questa divisione e per impedire il processo di pacificazione dell’Iraq. Io ho sentito ieri che c’erano tantissimi musulmani che erano andati a donare il sangue per le vittime che sono state ferite proprio nella chiesa. Gli estremisti sono stati condannati dagli islamici stessi: da quell’Islam che conosce Dio, che conosce la fede, che conosce l’amore, che conosce la carità!

Forza della fede

D. – Come la comunità cristiana irachena potrà trovare la forza di continuare a professare la fede, di continuare a professare la verità?

R. – La comunità cristiana trova la forza soprattutto dopo che i nostri vescovi sono tornati dall’ultimo Sinodo dei vescovi per il Medio Oriente, convocato da Benedetto XVI; hanno parlato tantissimo, in particolare, della sofferenza della Chiesa irachena in genere. Perciò continuano a dare la loro testimonianza, sicuramente con fatica, con grande sofferenza ma, nonostante tutto, i sacerdoti rimarranno vicini ai cristiani: la Chiesa sarà veramente presente nella loro vita! Ho sentito anche le testimonianze di tantissimi fedeli che si trovavano per strada, davanti alla chiesa, e hanno detto: “Non abbiamo altro che la nostra Chiesa, non abbiamo altro che i nostri sacerdoti!”. I due sacerdoti vittime di questo attentato, con il loro sangue, danno ancora forza a questa terra, che è la Terra di Abramo, la terra della pace, la terra dell’amore. Continuano a dare la loro testimonianza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *