Spiritualità nelle opere di Michelangelo

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Nella sede dell’Onu a New York si è tenuto lunedì scorso uno speciale simposio intitolato “Un pomeriggio con Michelangelo, splendori della Cappella Sistina e della Cappella Paolina”. Sono intervenuti, davanti ad una platea di oltre 400 persone, la professoressa Elizabeth Lev ed il prof. Eric Hansen che hanno presentato i loro studi sull’arte di Michelangelo. L’incontro è stato anche l’occasione per affrontare il tema della spiritualità nelle opere dello straordinario artista italiano. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

Il simposio ha avuto come punto di partenza la Cappella Sistina. Michelangelo, guidato dalle parole della Genesi e servendosi delle sue straordinarie capacità artistiche, ha tradotto in forme visibili l’invisibile bellezza e maestà di Dio. Proprio la dimensione trascendentale nelle opere di Michelangelo è stata il filo conduttore dell’incontro, come sottolinea il direttore della sezione statunitense dei Patrons of the Arts nei Musei Vaticani, mons. Terence Hogan:

“Nella discussione alle Nazioni Unite su Michelangelo è stata importante l’idea della spiritualità dell’umanità nell’arte”.

Simposio interreligioso

Al Simposio, che ha voluto unire il mondo della diplomazia con quello dell’arte, hanno partecipato esponenti di diverse religioni…

“Musulmani, ebrei e cristiani: l’arte è un modo per unire tutto il mondo”.

Cappella Paolina

Il racconto sull’arte di Michelangelo è poi proseguito con la descrizione di un altro tesoro dei Musei Vaticani, la Cappella Paolina. Anche in questo caso si è posto l’accento sulla ricchezza dei significati teologici concentrati in affreschi, sculture e dipinti. Il Simposio si è poi concluso con la presentazione di studi storici sulla vita e le opere di Michelangelo. Ma perchè è stato organizzato un Simposio su Michelangelo nella sede dell’Onu? Ancora mons. Terence Hogan:

“E’ stato organizzato un Simposio su quest’uomo, perché l’arte di Michelangelo è molto importante per tutti: è fonte di ispirazione per l’anima degli uomini. L’arte per i Paesi delle Nazioni Unite, in particolare, è una via per interpretare la pace”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *