Si’ del Senato al mandato di cattura europeo

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

In Italia, ‘si’ del Senato al mandato di cattura europeo. Il disegno di legge torna alla Camera per le modifiche. Il nostro servizio:

Via libera del Senato al disegno di legge sul mandato di arresto europeo. La commissione Giustizia di Palazzo Madama ha approvato il provvedimento: è stato reintrodotto l’articolo 4, eliminato dalla Camera. In aula, la Casa della libertà si è spaccata: favorevoli Forza Italia, AN e UDC, contraria la Lega Nord.

Il centrosinistra si è astenuto. Il disegno di legge torna ora all’esame della Camera per le modifiche. L’articolo 4, reintrodotto in commissione, prevede il rapporto diretto tra le autorità giudiziarie dei Paesi in condizioni di reciprocità, ma a patto che sia previsto da specifici accordi internazionali.

Tra i Paesi Ue solo l’Italia non ha ancora ratificato il provvedimento

“Votare a favore – ha spiegato il senatore di AN Luigi Bobbio – è stato non solo un dovere ma anche un esercizio di realismo da parte del centrodestra.Quello del mandato d’arresto europeo resta un iter particolarmente “tormentato”: l’Italia è tuttora l’unico Paese dell’Unione Europea a non aver ancora ratificato il provvedimento.

Foto:

By Francesco Gasparetti from Senigallia, Italy (Flickr) [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Wikimedia Commons

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *