Sant’Igino, il Papa filosofo

Nome Pontefice Da Fino a Luogo di nascita
9 S. Igino 138 142 o 149 Greco

Successore di S. Telesforo, Papa Igino, probabilmente di origine ateniese, affronta durante il suo Pontificato l’eresia gnostica. Secondo Valentino e Cedone, ai semplici fedeli può bastare la fede, mentre ai dotti si addice la scienza, che può spiegare a livello filosofico la fede. Vengono sconfessati da Papa Igino che il Liber Pontificalis definisce “filosofo”. Per Papa Igino le tesi di Valentino e Cedone fanno parte di una eresia gnostica che tende ad assorbire la Rivelazione divina per farne solo una filosofia religiosa.

Istituisce gli Ordini minori

Nel Martirologio Romano si legge che Igino subisce il martirio durante la persecuzione di Antonino Pio ma, secondo gli storici, è improbabile che sia morto martire. Basandosi sull’esempio del grande imperatore Adriano, che aveva creato un efficiente apparato burocratico, Papa Igino interviene inoltre sulla struttura gerarchica, istituendo gli Ordini minori. A lui sembra risalire anche l’istituzione del padrinato per il battesimo. La Chiesa lo ricorda l’11 gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *