San Pietro, il primo Papa della Chiesa di Roma

 

Numero Nome Pontefice Da Fino a Luogo di nascita
1 S. Pietro 64 o 67 Galilea

Simone nasce a Bethsaida, in Galilea. È un ebreo credente e osservante. È sposato e insieme con il fratello Andrea è un pescatore sul lago di Tiberiade. Segue Gesù e cambia il nome in Pietro. È tra i primi quattro discepoli del Nazareno. Appare nei Vangeli con un carattere deciso e impulsivo. Accetta la chiamata sorprendente del Signore: “Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini”. Il suo è un sì generoso e coraggioso. Diventa discepolo di Gesù.

Chi dite che io sia?

Gesù pone ai discepoli questa domanda: Chi dite che io sia? “Tu – risponde Pietro – sei il Cristo, cioè il Messia”. Pietro è dunque il primo a riconoscere la divinità di Gesù che gli affida il compito di guidare la comunità dei discepoli e di confermarli nella fede: “E io ti dico che sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte dell’inferno non prevarranno contro di essa. Ti darò le chiavi del regno dei cieli e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli”. Durante la passione di Gesù, per tre volte nega di conoscere il suo Maestro. Dopo piange e chiede perdono.

San Pietro, ritratto di Paul Rubens

Parole profetiche di Gesù

È tra i primi ad accorrere al sepolcro e dopo la Risurrezione, Gesù rivolge queste parole a Pietro:  “Pasci i miei agnelli” (Gv 21,15); “Pasci le mie pecorelle” (Gv 21,16); “Pasci le mie pecorelle” (Gv 21,17). E aggiunge: “In verità, in verità ti dico: quando eri più giovane ti cingevi la veste da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio, tenderai le tue mani e un altro ti cingerà la veste e ti porterà dove tu non vuoi” (Gv 21,18). L’evangelista Giovanni commenta: “Questo gli disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio”.

Il martirio

Le parole profetiche di Gesù si compiono a Roma, dove Pietro è protagonista nella vita della prima comunità cristiana. Il primo Papa della Chiesa di Roma, principe degli apostoli e Pontefice fino al 64 o al 67 d.C., muore crocifisso sul colle Vaticano, durante la persecuzione di Nerone. Qui sul colle Vaticano, poco distante dal circo di Nerone, Pietro viene sepolto e, sul luogo della sua sepoltura, oggi sorge l’altare papale circondato dalla grande Basilica di san Pietro. Sul suo martirio San Girolamo, nel “De viris illustribus”, scrive: “Ricevette la corona del martirio venendo inchiodato alla croce con la testa verso terra e i piedi innalzati al di sopra, sostenendo che era indegno di essere crocifisso nella stessa maniera del suo Signore”. La Chiesa ricorda San Pietro il 29 giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *