Radio Vaticana, 78 anni di storia

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

“A tutto il Creato. Essendo, per arcano disegno di Dio, Successori del Principe degli Apostoli (…) potendo per primi valerci da questo luogo della mirabile invenzione marconiana, ci rivolgiamo primieramente a tutte le cose e a tutti gli uomini (…) con le parole stesse della Sacra Scrittura: ‘Udite, o cieli, quello che sto per dire, ascolti la terra le parole della mia bocca”. Con questo radiomessaggio di Papa Pio XI, veniva inaugurata il 12 febbraio 1931 la Radio Vaticana. Sin dalla sua nascita, la missione dell’emittente a servizio dei Papi e del loro ministero, ha seguito le strade del Vangelo e della tecnologia.

La Radio durante la Seconda Guerra mondiale

Durante le tragiche fasi della Seconda Guerra Mondiale, la radio del Papa diventa un punto di riferimento per ristabilire un contatto tra civili e militari dispersi e le loro famiglie. Tra la fine della guerra e l’inizio degli anni sessanta, la Radio Vaticana incrementa i suoi programmi verso i Paesi dell’est europeo posti sotto l’influenza sovietica e si afferma sia dal punto di vista tecnico sia da quello informativo. Si moltiplicano le lingue utilizzate per le trasmissioni e l’11 ottobre del 1962 viene trasmessa dalla Basilica di San Pietro l’apertura del Concilio Vaticano II.

Progressi tecnologici

Molti sono stati i progressi tecnologici che si sono succeduti: negli anni Novanta hanno avuto inizio le trasmissioni satellitari e quelle via Internet. Tra i recenti sviluppi si deve sottolineare, in particolare, il miglioramento dell’integrazione, a livello redazionale, tra Radio e sito Internet, www.radiovaticana.va. Una recente novità è poi l’offerta giornaliera di videonews realizzate con la collaborazione tra la nostra emittente ed il Centro Televisivo Vaticano. In concomitanza con il lancio delle videonews, sono aumentati gli accessi al sito web.

Collaborazione tra Radio e Ctv

La collaborazione tra Ctv e Radio Vaticana ha portato anche al lancio, recentemente, del nuovo canale vaticano su YouTube che permette di conoscere in tempo reale l’attività del Papa. E’ cresciuto, poi, il numero di coloro che hanno richiesto di ricevere gratuitamente via e-mail i bollettini informativi, tra cui quello in lingua italiana dell’edizione delle ore 14.

Novità

Oltre alle onde radio e alle trasmissioni satellitari, particolare impulso è stato dato all’utilizzo delle nuove tecnologie: trasmissioni radiofoniche digitali ad alta qualità vengono assicurate attraverso le tecnologie DRM e DAB. In Italia, in particolare, il sistema DAB assicura una copertura di circa il 64% del territorio. Tra le novità, ci sono infine le trasmissioni con la nuova tecnologia T-DMB. Anche attraverso questo canale si possono seguire le celebrazioni del Papa e i principali avvenimenti Vaticani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *