Papa Zefirino, subì deportazione e martirio

Nome Pontefice Da Fino a Luogo di nascita
15 S. Zefirino 198 217 o 218 Romano

Il Pontificato di Papa Zefirino coincide con il regno di Settimio Severo. Sono anni in cui riprendono le persecuzioni contro i cristiani. In questo arco temporale viene emanato un editto di persecuzione che impediva la conversione al cristianesimo. Ad innescare le nuove repressioni è stata la mancata partecipazione dei cristiani ai festeggiamenti del decennale dell’imperatore. Papa Zefirino combatte le eresie, come diversi suoi predecessori. Nomina un suo vicario, Callisto, che diventerà Papa. Zefirino viene deportato e trova il martirio. La Chiesa lo ricorda il 20 dicembre. A lui si deve la volontà di organizzare i cimiteri cristiani che furono spostati dalla via Salaria alla via Appia. Uno dei cimiteri è stato chiamato “la cripta dei papi”. Il primo ad esservi tumulato è stato proprio Zefirino.

Settimio Severo

Settimio Severo è stato un imperatore romano dal 193 alla sua morte. Giunto al potere dopo la guerra civile romana del 193-197, fu fondatore alla dinastia severiana. In linea con le scelte di Marco Aurelio ripristinò alla sua morte il principio dinastico di successione, facendo subentrare i figli Caracalla e Geta. Settimio Severo avviò importanti riforme militari che toccarono numerosi aspetti dell’esercito romano. Aumentò il numero delle legioni romane a 33. Venne costituita per la prima volta una “riserva strategica” in prossimità di Roma. però una serie di altre concessioni, tese a migliorare la condizione dei soldati, tra le quali l’istituzione dell’annona militare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *