Papa Lino, primo successore di San Pietro

 

Nome Pontefice Da Fino a Luogo di nascita
2 S. Lino 68 79 Tuscia

Papa Lino è il primo Pontefice successore di Pietro e secondo vescovo di Roma. Originario della Tuscia, si è convertito al cristianesimo dopo essersi trasferito nella capitale dell’Impero Romano per ragioni di studio. Il suo Pontificato inizia nel 68 e termina il 79 d.C. È il primo Papa europeo. Secondo il Liber Pontificalis, in conformità con quanto disposto da San Pietro, sembra che abbia prescritto alle donne di entrare in chiesa con il capo coperto.  Durante il suo Pontificato, ha nominato vescovi e preti e ha dato regole per la pratica comunitaria della fede. L’evento più importante è stata la conclusione della guerra giudaica con la distruzione da parte dei romani, nel 70, della città e del tempio di Gerusalemme. Si avvera quanto detto dal Signore. Gesù aveva infatti predetto che del tempio non sarebbe rimasta pietra su pietra.

Papa Lino, secondo il Liber Pontificalis, fu martirizzato nel 79 mediante decapitazione. Ma non è certo che sia stato ucciso. Dopo la sua morte, fu sepolto sul colle Vaticano accanto all’apostolo Pietro. secondo lo storico e studioso d’arte Torrigio, quando venne costruito l’altare della Confessione furono rinvenuti dei sarcofagi. Tra questi ce ne era uno con la scritta Linus. I latini celebrano la sua memoria liturgica il 23 settembre. Le Chiese ortodosse, invece, lo ricordano il 4 novembre. Papa Lino, che la Chiesa ricorda il 23 settembre, è citato da Dante nella Divina Commedia nel passo in cui contrappone la Chiesa del XIV secolo allo spirito di abnegazione dei primi Pontefici:

“Non fu la sposa di Cristo allevata
del sangue mio, di Lin, di quel di Cleto,
per essere ad acquisto d’oro usata;

ma per acquisto d’esto viver lieto
e Sisto e Pïo e Calisto e Urbano
sparser lo sangue dopo molto fleto”.

(Paradiso XXVII, 41-45)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *