Il Papa: la crisi economica si è aggiunta ad altri gravi squilibri

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

All’Angelus Benedetto XVI si è soffermato sulla crisi economica globale. Tale situazione – ha detto il Santo Padre – è un “sintomo acuto” che si è aggiunto ad altri gravi squilibri. In questo quadro – ha aggiunto il Papa – appare decisivo un rilancio strategico dell’agricoltura. Il servizio di Amedeo Lomonaco

Il Papa ha ricordato “l’importanza del lavoro per la vita dell’uomo”, aspetto richiamato dalla Giornata del Ringraziamento per i frutti della terra che si celebra oggi in Italia e dalle parole di San Paolo nella seconda lettura dell’odierna liturgia. Al lavoro è strettamente legato lo scenario economico e l’attuale crisi globale in atto – ha osservato il Papa – va presa in tutta la sua serietà:

“Essa ha numerose cause e manda un forte richiamo ad una revisione profonda del modello di sviluppo economico globale (cfr Enc. Caritas in veritate, 21). E’ un sintomo acuto che si è aggiunto ad altri ben più gravi e già ben conosciuti, quali il perdurare dello squilibrio tra ricchezza e povertà, lo scandalo della fame, l’emergenza ecologica e, ormai anch’esso generale, il problema della disoccupazione”.

Rilancio dell’agricoltura

In questo quadro – ha aggiunto Benedetto XVI – appare decisivo un rilancio strategico dell’agricoltura:

“Infatti, il processo di industrializzazione talvolta ha messo in ombra il settore agricolo, che, pur traendo a sua volta beneficio dalle conoscenze e dalle tecniche moderne, ha comunque perso di importanza, con notevoli conseguenze anche sul piano culturale. Mi pare il momento per un richiamo a rivalutare l’agricoltura non in senso nostalgico, ma come risorsa indispensabile per il futuro”.

Preoccupanti alleanze

Il modello economico globale – ha quindi spiegato il Santo Pare – è oggi minato da preoccupanti ‘alleanze’:

“Nell’attuale situazione economica, la tentazione per le economie più dinamiche è quella di rincorrere alleanze vantaggiose che, tuttavia, possono risultare gravose per altri Stati più poveri, prolungando situazioni di povertà estrema di masse di uomini e donne e prosciugando le risorse naturali della Terra, affidata da Dio Creatore all’uomo – come dice la Genesi – affinché la coltivi e la custodisca (cfr 2,15). Inoltre, malgrado la crisi, consta ancora che in Paesi di antica industrializzazione si incentivino stili di vita improntati ad un consumo insostenibile, che risultano anche dannosi per l’ambiente e per i poveri”.

Nuovo modello economico e di sviluppo

L’agricoltura tesa al bene comune – ha poi ricordato il Pontefice – può portare alla costruzione di un nuovo modello di sviluppo economico globale:

“Occorre puntare, allora, in modo veramente concertato, su un nuovo equilibro tra agricoltura, industria e servizi, perché lo sviluppo sia sostenibile, a nessuno manchino il pane e il lavoro, e l’aria, l’acqua e le altre risorse primarie siano preservate come beni universali (cfr Enc. Caritas in veritate, 27)”.

Stili di vita

Il lavoro agricolo – ha quindi affermato il Papa – deve fondarsi su principi etici e su corretti stili di vita:

“E’ fondamentale per questo coltivare e diffondere una chiara consapevolezza etica, all’altezza delle sfide più complesse del tempo presente; educarsi tutti ad un consumo più saggio e responsabile; promuovere la responsabilità personale insieme con la dimensione sociale delle attività rurali, fondate su valori perenni, quali l’accoglienza, la solidarietà, la condivisione della fatica nel lavoro”.

Lavoro in agricoltura

E non pochi giovani hanno già scelto la strada del lavoro agricolo:

“Anche diversi laureati tornano a dedicarsi all’impresa agricola, sentendo di rispondere così non solo ad un bisogno personale e familiare, ma anche ad un segno dei tempi, ad una sensibilità concreta per il bene comune”.

Vicinanza alla popolazione di Haiti

Dopo l’Angelus il Santo Padre ha rinnovato la propria vicinanza alle popolazioni di Haiti, che, a causa del terribile terremoto del gennaio scorso, soffrono ora per una grave epidemia di colera. Ha quindi rivolto il proprio appello alla Comunità internazionale “affinché aiuti generosamente quelle popolazioni”. Benedetto XVI ha poi sottolineato che la Chiesa in Polonia prega oggi per tutti i fratelli e le sorelle che soffrono a causa del Vangelo. Il Pontefice ha inoltre ricordato che sabato 27 novembre nella Basilica di San Pietro, presiederà i Primi Vespri della Prima Domenica di Avvento e una veglia di preghiera per la vita nascente. Il Papa ha quindi salutato gli iracheni presenti in piazza San Pietro e invocato “il dono della pace per l’Iraq”. Il Pontefice ha infine salutato le numerose Confraternite che hanno partecipato stamani alla Santa Messa presieduta dal segretario di Stato cardinale Tarcisio Bertone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *