Il Papa alla Federazione italiana esercizi spirituali

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

“Non manchino nelle Case di esercizi, responsabili ed operatori ben formati, guide, animatori ed animatrici disponibili e preparati”. Non manchino persone dotate di quelle “qualità dottrinali e spirituali che ne facciano dei veri maestri di spirito, esperti e appassionati della Parola di Dio e fedeli al Magistero della Chiesa”. E’ quanto ha detto Benedetto XVI incontrando, stamani, i partecipanti dell’assemblea nazionale della Federazione italiana esercizi spirituali (FIES). Il Papa ha anche affermato che in Italia si diffondono molteplici iniziative di spiritualità. Ma sembra invece diminuire “il numero di coloro che partecipano a veri corsi di esercizi spirituali”. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

“In un’epoca in cui sempre più forte è l’influenza della secolarizzazione”, la Federazione italiana esercizi spirituali – afferma il Papa – intende incrementare la spiritualità come fondamento e anima di tutta la pastorale. Il Santo Padre sottolinea anche come gli esercizi siano un’esperienza dello spirito. Sono caratterizzati “da quel clima di silenzio completo e profondo che favorisce l’incontro personale e comunitario con Dio”.

Il senso degli esercizi spirituali

Benedetto XVI, si sofferma quindi sul senso degli esercizi spirituali:

“Una forte esperienza di Dio, suscitata dall’ascolto della sua Parola, compresa e accolta nel proprio vissuto personale, sotto l’azione dello Spirito Santo, la quale, in un clima di silenzio, di preghiera e con la mediazione di una guida spirituale, dona capacità di discernimento”.

Offrire spazi di ascolto

Il Papa illustra anche i frutti della preghiera, indicata nell’Enciclica Spe salvi al primo posto tra “i luoghi di apprendimento e di esercizio della speranza”. In Deus caritas est il Papa ne sottolinea inoltre l’importanza “di fronte all’attivismo e all’incombente secolarismo di molti cristiani impegnati nel lavoro caritativo”. Benedetto XVI auspica, poi, che “non venga meno la possibilità di offrire spazi di intenso ascolto” della Parola di Dio nel silenzio e nella preghiera:

“Un buon corso di esercizi spirituali contribuisce a rinnovare in chi vi prende parte la gioia e il gusto della liturgia, in particolare della dignitosa celebrazione delle Ore e soprattutto dell’Eucaristia; aiuta a riscoprire l’importanza del Sacramento della penitenza, approdo del cammino di conversione e dono di riconciliazione, come pure il valore e il significato dell’adorazione eucaristica. Durante gli esercizi è possibile recuperare con frutto anche il senso pieno ed autentico del Santo Rosario e della pia pratica della Via Crucis”.

Gli esercizi spirituali sono un’esperienza forte di Dio

Il fine della Federazione italiana esercizi spirituali, sottolinea infine il Papa, è di “far conoscere e promuovere in tutti i modi possibili gli esercizi spirituali, intesi come un’esperienza forte di Dio in un clima di ascolto della Parola in ordine ad una conversione e donazione sempre più totale a Cristo e alla Chiesa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *