Il Papa al nuovo ambasciatore iracheno

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Gli ultimi anni in Iraq sono stati segnati da tragici atti di violenza contrari agli insegnamenti dell’islam e del cristianesimo. Azioni compiute contro membri innocenti della popolazione, musulmani e cristiani. Questa sofferenza condivisa può stabilire “un legame profondo”, rafforzando la determinazione di musulmani e cristiani “a lavorare per la pace e la riconciliazione”. E’ quanto ha affermato stamani Benedetto XVI rivolgendosi al nuovo ambasciatore della Repubblica dell’Iraq, Habbeb Mohammed Radi Ali Al-Sadr, ricevuto in occasione della presentazione delle Lettere credenziali. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

Benedetto XVI ricorda che gli iracheni, in occasione delle elezioni legislative tenutesi lo scorso 7 marzo, hanno dato “un chiaro segnale al mondo” scegliendo “la strada della democrazia”. Attraverso questa via – aggiunge il Santo Padre – il popolo iracheno aspira a vivere in armonia “in una società, giusta, pluralista e inclusiva”. Nonostante i tentativi di intimidazione da parte di coloro che non condividono questa aspirazione, gli iracheni hanno mostrato “grande coraggio e determinazione” presentandosi in gran numero ai seggi elettorali. Adesso occorre comporre, prima possibile, il nuovo mosaico politico iracheno:

“It is to be hoped that the formation of a new government…

La speranza è che la formazione di un nuovo governo ora proceda rapidamente in modo che la volontà del popolo di un Iraq stabile e unificato possa essere realizzata”.

La Santa Sede, che ha sempre giudicato “eccellenti” le proprie relazioni diplomatiche con l’Iraq, continuerà ad assicurare il proprio aiuto, per quanto possibile, in modo che il Paese possa assumere il posto legittimo di nazione guida nella regione. Coloro che sono stati eletti – aggiunge il Papa – dovranno dimostrare “grande coraggio e determinazione” per rispondere alle grandi aspettative del popolo iracheno:

“The new government will need to give priority to…

Il nuovo governo dovrà dare priorità alle misure destinate a migliorare la sicurezza di tutti i settori della popolazione, in particolare le varie minoranze”.

Si tuteli il diritto alla libertà religiosa

Tra i diritti che devono essere pienamente rispettati, sono di fondamentale importanza quelli alla libertà religiosa e di culto in quanto permettono ai cittadini di vivere come persone create a immagine e somiglianza del Creatore. I cristiani iracheni – spiega poi il Papa condividendo le preoccupazioni espresse dal nuovo ambasciatore – devono rimanere nella loro “patria ancestrale”. Coloro che si sono sentiti costretti ad emigrare – aggiunge Benedetto XVI – possano presto considerare sicuro il loro ritorno in Iraq:

“Since the earliest days of the Church…

Fin dai primi giorni della Chiesa, i cristiani hanno abitato la terra di Abramo, terra che fa parte del comune patrimonio di giudaismo, cristianesimo e islam.

Coesistenza pacifica

E’ fortemente auspicabile – sottolinea poi il Papa – che la società irachena in futuro sia contraddistinta dalla “coesistenza pacifica”, desiderio comune nelle aspirazioni di coloro che sono radicati nella fede di Abramo. Una società in cui i cristiani hanno un ruolo rilevante:

“Altough Christians form a small minority…

Sebbene i cristiani siano una minoranza della popolazione irachena, offrono un prezioso contributo alla sua ricostruzione e alla ripresa economica attraverso il loro apostolato in ambito educativo e sanitario; il loro impegno in progetti umanitari fornisce assistenza quanto mai necessaria nella costruzione della società”.

Superare le divisioni

La storia ha mostrato che alcuni degli “incentivi più efficaci” per superare le divisioni provengono dagli esempi di uomini e donne che hanno perso la vita avendo scelto la strada coraggiosa della testimonianza non violenta ispirata da alti valori:

“The names of achibishop Paulos Faraj Rahho, father Raghhed Ganni…

I nomi dell’arcivescovo Paulos Faraj Rahho, di padre Ragheed Ganni e di molti altri continueranno a vivere come esempi luminosi di amore che li ha portati a dare la vita per gli altri”.

Sostegno delle Chiese locali

Benedetto XVI ricorda infine l’iniziativa della Santa Sede per il sostegno delle Chiese locali di tutta la regione, l’Assemblea Speciale del Sinodo dei Vescovi per il Medio Oriente, che si terrà dal 10 al 24 ottobre:

“This will provide a welcome opportunity to explore…

Costituirà un’opportunità per esplorare il ruolo e la testimonianza dei cristiani nelle terre della Bibbia e darà anche un impulso per l’importante compito del dialogo interreligioso, che tanto può contribuire al raggiungimento dell’obiettivo di coesistenza pacifica nel rispetto reciproco e stima tra i fedeli di diverse religioni”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *