Il Papa ai vescovi delle Filippine

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Il fascino di questo mondo non può soddisfare il desiderio di felicità. Solo la vera amicizia con Dio può rompere i vincoli della solitudine. E’ quanto ha affermato stamani Benedetto XVI rivolgendosi ai vescovi della Conferenza Episcopale delle Filippine in Visita ad Limina. Il Papa si è anche soffermato sulle sfide che la Chiesa delle Filippine deve affrontare nel presente. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

Le Filippine continuano ad affrontare numerose sfide nell’ambito dello sviluppo economico, ma si deve riconoscere che le difficoltà per una vita felice e realizzata non sono gli unici ostacoli che devono essere affrontati dalla Chiesa:

“Filipino culture is also confronted with the more subtle…
La cultura filippina è anche di fronte a questioni più penetranti che riguardano il secolarismo, il materialismo e il consumismo dei nostri tempi”.

Vera amicizia con Dio per rompere i vincoli della solitudine

Il percorso per riscoprire il vero destino dell’umanità può essere trovato soltanto “nel ristabilimento della priorità di Dio nel cuore e nella mente di ogni persona”. Il compito dell’evangelizzazione – spiega il Pontefice – è quello di proporre “un rapporto personale con Cristo”. “Le nuove iniziative nell’evangelizzazione – sottolinea – porteranno frutti solo se coloro che le propongono sono persone che credono veramente e vivono in se stesse il messaggio del Vangelo”. All’impegno del clero – osserva il Santo Padre – si aggiunge poi quello dei laici che hanno bisogno di “ascoltare il messaggio del Vangelo nella sua pienezza”, per comprendere le sue implicazioni nella loro vita e nella società. Nelle Filippine, grazie anche al “paziente lavoro della Chiesa locale”, la fede assume inoltre “un ruolo molto importante nella vita di molti giovani”:

“I encourage you to continue to remind…
Vi incoraggio a continuare a ricordare ai giovani che il fascino di questo mondo non soddisferà il loro naturale desiderio di felicità. Solo la vera amicizia con Dio spezzerà i vincoli della solitudine di cui soffre la nostra fragile umanità e stabilirà una vera e duratura comunione con gli altri”.

Cura pastorale dei giovani

“La cura pastorale dei giovani – rileva Benedetto XVI – porta a stabilire il primato di Dio nei loro cuori e tende a portare risultati non solo nelle vocazioni al matrimonio cristiano ma anche in ogni tipo di chiamata”. Inoltre Benedetto XVI ricorda che si deve anche porre attenzione nell’indicare ai giovani “l’importanza dei sacramenti come strumenti della grazia di Dio”:

“This is particulary true of the sacrament of matrimony…
Questo è particolarmente vero per il Sacramento del matrimonio, che santifica la vita coniugale fin dal suo inizio, in modo che la presenza di Dio possa sostenere le giovani coppie nelle asperità”.

Vocazioni al sacerdozio

Il Papa esprime poi la propria gioia per il “successo di iniziative locali nel promuovere numerose vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa”. Tuttavia – aggiunge – in molte diocesi il numero dei sacerdoti e il corrispondente numero di parrocchie “non è ancora sufficiente per soddisfare i bisogni spirituali della numerosa e crescente popolazione cattolica”:

“May the Church’s mission of evangelization be sustained…
Che la missione di evangelizzazione della Chiesa possa essere sostenuta dai doni meravigliosi che il Signore offre a coloro che Egli chiama”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *