Natale nel mondo

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Migliaia di pellegrini sono giunti in Terra Santa per celebrare il Natale nei luoghi di Gesù. Il patriarca latino di Gerusalemme Fouad Twal – nella Messa della Notte nella Basilica della Natività a Betlemme – ha detto che “il regalo più bello” per israeliani e palestinesi, “al di sopra di denaro e ricchezza, è la pace”. Stamani la Messa del Giorno di Natale.

Natale scosso da violenze in Iraq

Vigilia di Natale di sangue, ieri, in Iraq, dove 27 persone sono rimaste uccise in tre attentati in diverse zone del Paese. In particolare la tensione resta alta a Mosul dove ieri è stato ucciso un altro cristiano. È il settimo attacco nell’ultimo mese: la polizia irachena, infatti, ha messo in guardia la popolazione cristiana contro il pericolo di attentati durante le festività e tutte le chiese sono sorvegliate da agenti. Ma quale significato ha questo Natale in Iraq? Lo abbiamo chiesto a mons. Philip Najim, procuratore caldeo a Roma:

R. – Questo Natale deve avere un significato molto importante nella vita prima di tutto del cristiano, ma anche per tutto il popolo iracheno perché tutto il popolo dell’Iraq soffre dei danni della guerra. Questo Natale porta una speranza grande, porta una gioia grande!

Speranze

D. – Quale scena di speranza dovrebbe proporre una cartolina natalizia dall’Iraq?

R. – Questa scena di speranza dipende soprattutto dai politici che attualmente governano il Paese. Sono loro che devono garantire il diritto alla sicurezza di ogni cittadino. Sono loro che devono cercare di ricomporre l’unità nazionale della quale noi oggi abbiamo bisogno. La nostra vocazione religiosa è nata nella terra dell’Iraq e per noi cristiani il Bambin Gesù è segno di speranza, di salvezza dall’amarezza quotidiana e dal sangue che ogni giorno vediamo spargersi nelle strade di Baghdad, di Mosul e nel resto dell’Iraq. Il Bambin Gesù è nato proprio per la popolazione di tutto il mondo e quindi la salvezza non è solo per i cristiani, è per tutto il mondo. E’ una salvezza di pace, di carità, di amore … Questi sono gli elementi importanti del Natale che il popolo iracheno, oggi, deve applicare quotidianamente nella sua vita e nel suo cammino verso la pace, verso l’amore e la carità.

Violenze anche in Pakistan

Ancora violenze anche in Pakistan, dove questa mattina sconosciuti hanno aperto il fuoco contro un posto di blocco della polizia nella periferia di Peshawar, causando la morte di due agenti.

Dalla Cina arriva invece la notizia della condanna a 11 anni di carcere per “istigazione alla sovversione” del dissidente Liu Xiaobo, veterano della protesta di piazza Tienanmen e promotore di un documento che propone l’instaurazione nel Paese di un sistema politico democratico. E come in Cina anche in Thailandia la piccola minoranza cristiana celebra il Natale: a Bangkok, la luce di Gesù Bambino arriva anche tra le baraccopoli, come riferisce il missionario cappuccino fra Giovanni Cropelli:

R. – In Thailandia, i cattolici sono pochissimi, sono lo 0,2 per cento della popolazione. La maggioranza è buddista. Per quanto riguarda le comunità cattoliche, c’è il desiderio di accogliere il Natale …

Iniziative missionarie

D. – Con il Natale si celebra la nascita del Signore: c’è la nascita di qualche iniziativa particolare che voi cappuccini volete sottolineare?

R. – Noi missionari ci troviamo in un convento di formazione, per cui è stato importante aiutare i nostri giovani ad entrare proprio in questo clima di gioia, di incontro con il Signore. E poi c’è l’esperienza di condivisione con la gente. Viviamo questa esperienza natalizia anche andando negli slum di Bangkok, nelle baraccopoli, cercando di portare questa esperienza a questa gente che comunque è in ricerca. Anche tantissimi buddisti sono colpiti dalla figura di Gesù! E poi il giorno di Natale, insieme con i nostri giovani in formazione, andiamo a visitare alcune tribù del Nord, vicino alla Birmania, condividendo con loro momenti importanti della vita quotidiana. In particolare la Santa Messa, perché molti di questi villaggi non hanno la possibilità di avere i sacerdoti. E’ un Natale molto bello. Auguro che tutti possano accogliere l’altro così come è, senza pretendere che cambi. Si deve amare l’altro e proprio amandolo si può davvero incontrare questa misericordia.

Natale in Africa

Nei Paesi più poveri dell’Africa, dove ci sono poche possibilità per cedere al consumismo, resta intatto lo spirito originale del Natale, come sottolinea padre Apolinar Rodriguez, missionario saveriano in Mozambico:

R. – Grazie a Dio non c’è il consumismo che invece si riscontra in Europa o in America dove si assiste alla propaganda del Natale. Questa ‘propaganda’ non è ancora arrivata in Mozambico. Tutto rimane nell’ambito religioso grazie a Dio! La comunità cristiana del Mozambico è tanto felice, soprattutto per Dio che si incarna, che si rende presente in mezzo a noi.

La gioia del popolo africano

D. – Il popolo africano come accoglie la nascita del Signore? C’è la voglia di partecipare attivamente e sempre alla vita della Chiesa, non solo a Natale?

R. – Sì. C’è una partecipazione bella, ricca di gioia, perché vivono le festività religiose – il Natale, la Pasqua, il Corpus Christi – preparandosi alla vita quotidiana della Chiesa.

Natale in America Latina

In America Latina la nascita di Gesù è attesa con particolare gioia ed entusiasmo. L’immagine del Natale è spesso riflessa nel Presepe, talvolta espresso con alcune varianti. Ce lo racconta Padre Siro Brunello, missionario saveriano in Brasile:

R. – Qui è estate, fa caldo e quindi il Presepe, rappresentato secondo i canoni europei, non ha senso! Così, insieme con i nostri cristiani, ho pensato il Presepe nella chiesa di San Giuseppe calandolo nella realtà amazzonica. Per esempio nel nostro Presepe il Bambino non nasce in una grotta. Nasce su un’amaca, appesa tra due palme. Vicino ci sono San Giuseppe, la Madonna ed i pastori. Poi c’è un grande fiume e ci sono le persone delle isole che vengono a visitare il Bambino Gesù con i loro doni. Arrivano con la frutta, con la canna da zucchero, con prodotti locali.

Il Natale e il Brasile

D. – Quindi cambia il contesto ma sicuramente non cambia il messaggio. Quale significato ha il Natale per la comunità cristiana brasiliana?

R. – Il Natale fa del mondo una famiglia, riunisce il mondo nello stesso sentimento e quindi sentire la nascita di questo Bambino aiuta tutti noi a sentirci uniti agli italiani, ai francesi, agli africani e a tutti coloro che in questo giorno celebrano la nascita del Bambin Gesù. Auguri per tutti, pregate sempre per noi missionari che ne abbiamo tanto bisogno! Non dimenticateci!

Natale in Italia a Castel Volturno

In Italia il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza episcopale, invita a non cedere alla sfiducia e all’odio che si radicano dove ci sono sentimenti di solitudine e abbandono. Un messaggio che risuona anche a Castel Volturno, comune in provincia di Caserta segnato dal dramma della camorra, dove è particolarmente numerosa la comunità di immigrati, soprattutto africani, e dove il Natale è dunque anche un’occasione per unire mondi e culture diverse, come ci riferisce il missionario comboniano padre Giorgio Poletti: 

R. – Sono 15 anni che celebriamo il Natale a Castel Volturno con la comunità di immigrati. Cerchiamo di fare una celebrazione che accomuni tutte le nazionalità. Qualche volta ho avuto l’impressione di vivere veramente la Pentecoste, di vedere mondi così lontani che si incontrano attorno all’altare e celebrano l’Eucaristia. Le lingue si trovano d’accordo nell’unica lingua che è quella di condividere l’Eucaristia nella memoria del Signore Gesù.

Missionario in Italia

D. – Quale è la differenza tra l’essere missionario in Africa e, invece, essere missionario in Italia per gli africani?

R. – Ci sono problemi diversi. Io ho vissuto in Mozambico per vari anni ma, nonostante i problemi della fame e della morte, il tessuto sociale era come un vestito tutto strappato sul quale noi missionari, e anche altri, cerchiamo di mettere delle toppe. Purtroppo, a Castel Volturno non c’è il vestito e, quindi, tutto quello che si fa non trova un sostegno. Bisogna allora credere che il bene che si fa darà risultati, darà frutti.

Natale in Ucraina

Ci sono infine Paesi dove il Natale si deve ancora celebrare. Ce ne parla Padre Andry, missionario salesiano in Ucraina:

R. – Il Natale in Ucraina viene festeggiato il 7 gennaio secondo il calendario giuliano e quindi la cena di Natale si fa il 6 gennaio. Ci sono varie tradizioni per la celebrazione della Vigilia di Natale: ad esempio, quando appare la prima stella in cielo, il padrone di casa porta solennemente a casa un mazzo di spighe di grano insieme al fieno. Al centro del tavolo si mettono poi tre candele: la prima si accende per i morti, la seconda per i vivi e la terza per i non ancora nati. Dopo, il capofamiglia legge il brano del Vangelo che racconta la nascita di Gesù. Quindi tutta la famiglia insieme recita una preghiera. Dopo la preghiera, si divide un pane tra tutti i membri della famiglia e si consuma un pasto composto da dodici portate. La porta di casa, durante la cena, non si chiude in modo che tutti si sentano invitati a cena.

Auspici

D. – Qual è l’auspicio della comunità cattolica ucraina per questo Natale?

R. – Che sia un Natale di speranza, di pace, che porti uno sviluppo più stabile nel Paese. Ci stiamo preparando anche alle elezioni presidenziali: la gente vorrebbe che questo Natale riempia di gioia e porti un po’ di speranza, la comunione tra le Chiese e maggiore stabilità per il Paese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *