Mons. Nunnari: Calabria è il sud del Sud

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

L’immagine che emerge dal Rapporto Svimez sull’economia del Mezzogiorno, presentato ieri a Roma, è quella di un Sud a rischio di desertificazione umana e industriale, dove si continua a emigrare e a non fare figli. Nel 2013, il numero dei morti continua a superare quello dei nati. La regione più povera è la Calabria. Questo territorio è “il Sud del Sud”, sottolinea al microfono di Amedeo Lomonaco l’arcivescovo di Cosenza-Bisignano, mons. Salvatore Nunnari:

 

R. – Non c’è lavoro, pochi soldi in famiglia. non si pensa ai figli, perché come si mantengono? Questo è preoccupante perché la Calabria, come lei sa, è stata sempre una terra creativa. Dal punto di vista industriale, qui si è sbagliato tutto. La Calabria è terra di turismo, di agricoltura. Si è pensato a portare le industrie. Un fallimento. Ci sono solo solamente cattedrali nel deserto, ma cattedrali ormai solo di ruggine. Siamo già in tempo di crisi. Abbiamo registrato una ripresa nel Dopoguerra, con la Cassa del Mezzogiorno. Purtroppo, siamo abituati all’assistenzialismo, al clientelismo”.

La piaga della mafia

“Da aggiungere anche il male estremo, terribile della mafia, presenza non solo disonorante ma anche destabilizzante: le industrie del Nord, che si erano installate nel nostro territorio, si sono appena affacciate e poi sono scappate. Adesso, bisogna passare alla concretezza dei fatti, non più promesse: la Calabria rischia di restare la terra dei vecchi, degli anziani. Come vescovi, sentiamo pesantemente questa realtà che ci fa ritrovare come la regione più povera: la Calabria è il sud del Sud”.

Il Sud e la ripresa dell’Italia

D. – Poi, bisogna anche ricordare che senza una ripresa del Sud a non poter ripartire è l’Italia intera…

R. – Se il Sud fallisce, se non riparte, non credo che riparta anche il resto della nazione: 40 famiglie su 100 si sono impoverite nel 2013. La Caritas è molto impegnata a dare qualche risposta. Ma il problema serio è la povertà estrema.

Il sud del Sud

D. – La Calabria è il sud del Sud, la regione più povera d’Italia. Ma la difficile situazione economica in Calabria è il risultato di tante povertà, dovute anche alla presenza opprimente della ‘ndrangheta. Ma in Calabria ci sono anche delle ricchezze…

R. – Ricchezze di intelligenza e di cuore. Una volta mandavamo braccia per lavorare, dal Sud, dalla Calabria al Nord e in America. Adesso, stiamo mandando le nostre intelligenze più belle: i giovani emigrano con una laurea, magari un computer e se ne vanno…

Calabria ricca di intelligenze

D. – Magari, questi ambasciatori della Calabria un giorno torneranno e miglioreranno la Calabria…

R. – Questo sarebbe l’augurio. Ma quando si parte dalla Calabria, si resta sempre calabresi nell’animo. Ma non c’è più il pensiero di ritornare. Le nostre grandi intelligenze presenti un po’ in tutta Italia e anche all’estero sono ormai al servizio di un’Italia lontana da noi. Il grande Beato Paolo VI diceva: la Calabria e il Sud devono ancora dare tanto all’Italia. C’è un’Italia che soffre, salviamo il Sud per salvare l’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *