L’Onu: imminente crisi idrica nel mondo

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Un’imminente crisi delle risorse idriche colpirà il nostro pianeta. A lanciare l’allarme sono le Nazioni Unite in un rapporto redatto in vista del quinto Forum mondiale sull’acqua che si terrà ad Istanbul, in Turchia, dal 16 al 22 marzo prossimi. Il dossier dell’Onu esorta a riflettere su una convinzione antica quanto le più remote civiltà fluviali, quella dell’acqua potabile, compagna fedele ed inesauribile.

Sfide e prospettive

Questo convincimento si scontra oggi con un contesto segnato da grandi sfide e preoccupanti prospettive: nel mondo, dove la popolazione mondiale secondo stime delle Nazioni Unite salirà entro il 2050 a 9 miliardi di persone, sono disponibili oltre 40 mila chilometri cubi di risorse idriche utili e rinnovabili.

Oltre un miliardo di persone senza accesso all’acqua

Ma di queste solo un decimo sono sfruttate dall’uomo, in larghissima parte per l’agricoltura e l’industria. Attualmente, secondo le Nazioni Unite, più di un miliardo e 200 milioni di persone non hanno un accesso adeguato a fonti idriche. La combinazione di due fattori, la distribuzione estremamente diseguale di queste risorse e la crescita quasi esponenziale dei consumi in certe aree densamente popolate, continua poi a provocare in molte regioni un’allarmante situazione di ‘stress idrico’.

Rapporto dell’Onu

Il rapporto dell’Onu, intitolato “Acqua in un mondo che cambia”, sottolinea che la gestione delle risorse idriche non potrà quindi più essere esclusivamente delegata a ‘tecnocrazie’ di settore. Per questo, in vista dell’imminente Forum mondiale sull’acqua, l’Onu invita a considerare le risorse idriche come un “bene pubblico mondiale”: si devono garantire decisioni e interventi adeguati per rispondere alle necessità dell’intera popolazione del pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *