Lamezia. Spari contro la comunità di don Panizza

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Ennesimo vile atto intimidatorio della criminalità organizzata contro la comunità di don Giacomo Panizza “Progetto sud” che a Lamezia Terme, nel quartiere Capizzaglie, accoglie immigrati e disabili. Ignoti hanno esploso due colpi di pistola contro la saracinesca della comunità, che ha sede in un edificio confiscato ad una famiglia della ‘ndrangheta. Ascoltiamo proprio don Giacomo Panizza, intervistato da Amedeo Lomonaco:

R. – Ci sfianchiamo, ci indeboliamo e, al tempo stesso, sappiamo che è il momento di resistere, perché vogliono sostanzialmente chiedere che una casa confiscata vada in abbandono, piuttosto che messa in attività.

Lamezia
Permane la voglia di resistere

D. – Quindi siete stanchi, sono atti che sfiniscono, ma comunque permane la voglia di resistere, di far vincere la giustizia …

R. – Perché sappiamo che la giustizia, come la libertà, l’amore e le cose grandi, hanno bisogno di percorsi lunghi: non è che con un telecomando si passa dall’omertà alla parola chiara. La fede comporta tanta pazienza, la speranza comporta tanta pazienza.

Il cancro della ‘ndrangheta

D. – Sono atti che dimostrano che la vera disabilità non è quella fisica, ma c’è un cancro che purtroppo colpisce il territorio. E’ quello che va estirpato, è quella la disabilità vera …

R. – Sì, la disabilità nel senso di diventare incapaci di essere normalmente giusti, normalmente cittadini e cittadine, normalmente solidali…

Alle famiglie della ‘ndrangheta

D. – Cosa si sente di dire a queste famiglie della ’ndrangheta?

R. – Quello che ripeto continuamente: la bellezza di vivere con la coscienza pulita, la bellezza di vivere sognando insieme e non essere qualcuno contro il resto del mondo. Ogni clan vive contro il resto del mondo e tanti – i numeri lo dicono – vengono uccisi anche tra di loro. Mi sento di dire, e continuamente glielo dico, la bellezza è di vivere da uomini e donne davvero.

Sostegno delle istituzioni

D. – In questa situazione vi sentire abbandonati e isolati, oppure c’è il conforto, il sostegno delle istituzioni?

R. – Sì, questo lo sentiamo. Certo, la concretezza è sempre sui tempi più lunghi, però al momento le istituzioni, ma anche la gente in genere, è indignata e proprio non capisce il motivo di questo accanimento.

Confisca dei beni

D. – La vostra comunità ha sede in un palazzo confiscato. La strada dei beni confiscati è una strada giusta, bisogna forse anche approfondirla …

R. – Bisogna secondo me, da una parte, che non sia lasciata da gestire soltanto agli addetti ai lavori, ma che proprio sia le istituzioni sia la città, la società, sappiano che quelle strutture confiscate non sono del gruppo di volontariato che le gestisce, ma sono proprio di tutta la città, di tutta la cittadinanza. Mettersi insieme per ridare dignità a case che sono state costruite sul sangue, sulle rapine, sulle estorsioni: questo è un compito davvero di tutti. Tutti cambiamo la città se tutti ‘ci mettiamo dentro’. Noi non ci ritiriamo, da questa bella avventura.

Spiragli di speranza

D. – Nella cittadinanza, scorge semi di speranza, anche di allontanamento da quella che qualcuno definisce una cultura dell’omertà?

R. – Sì, la gente non è più come ai vecchi tempi, quando la ‘ndrangheta era intesa come qualcosa di nascosto. Ormai la gente conosce le brutture della ‘ndrangheta, è più consapevole. Il problema è che rimangono ancora quelli che, pur sapendo, stanno zitti. Per il resto è cambiato tanto: la partecipazione, la consapevolezza, l’essere presenti. E’ cambiato tanto.

Contributo della Chiesa

D. – Questo anche grazie all’apporto di comunità come la vostra, al contributo della Chiesa …

R. – Grazie all’apporto degli esempi, nei mondi della Chiesa e non solo. Le parole, le prediche su questo, valgono davvero poco, però gli esempi ci sono. Contengono in se stessi la bellezza della cosa da fare, perché è bello vedere – come abbiamo fatto il 29 febbraio – migliaia di persone, per la prima volta, venire in quel quartiere a manifestare. Non era mai accaduto. Gli esempi, davvero, sono belli e dicono che ‘si può’. Aiutano a capire che ‘si può’, non solo a teorizzare ma aiutano a vedere che si può andare contro la ‘ndrangheta. (cp)

Foto:

By Lametino at Italian Wikipedia (Transferred from it.wikipedia to Commons.) [Public domain], via Wikimedia Commons

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *