La Chiesa pakistana chiede di non dimenticare le vittime

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Autorità politiche, mass-media, comunità internazionale e società civile aumentino i loro sforzi per far luce sulla “situazione di sofferenza e precarietà dei cristiani e delle minoranze religiose” in Pakistan. A chiederlo è mons. Lawrence John Saldanha, arcivescovo di Lahore e presidente della Conferenza episcopale del Paese asiatico, commentando gli ultimi drammatici episodi di violenza che hanno colpito la comunità cristiana.

Intervista con don Renato Sacco

Nei giorni scorsi, estremisti musulmani hanno dato fuoco ad un uomo, morto ieri sera, e ad una donna, deceduta il 10 marzo, perché rifiutavano di convertirsi all’islam. Si tratta di tragedie e testimonianze che non possono restare avvolte dal silenzio, come sottolinea don Renato Sacco, di Pax Christi, intervistato da Amedeo Lomonaco:

R. – A noi viene chiesto prima di tutto di non dimenticare. Forse, anche questa notizia non ha colpito molto i mass media. Invece, ci deve far riflettere su questo martirio dei giorni nostri, di chi viene bruciato vivo o colpito da tutte quelle violenze legate alla coerenza con le proprie scelte di fede.

Estremismo e fanatismo in Pakistan

D. – Perché in Pakistan il seme del cristianesimo incontra purtroppo l’odio dell’estremismo e del fanatismo?

R. – Credo che quando questo seme si scontra con una strumentalizzazione della fede che non è liberazione, che non è apertura, ma è totalitarismo o integralismo ci si trova davanti una ideologia di morte e non di vita. Però, bisogna evitare la tentazione di criminalizzare tutto l’islam, di vedere nell’islam la religione di per sé integralista. Io posso dire quello che ho sentito in Iraq: anche dopo violenze, uccisioni, rapimenti, assassini fatti a sangue freddo, non ho mai sentito dai cristiani parole di vendetta o di odio. Ho sentito parole con le quali hanno chiesto e chiedono di sentirsi in comunione con tutta la Chiesa. Questo credo sia un invito importante per noi cristiani in questi giorni di Quaresima, di settimana Santa. Un invito ad evitare che quello che celebriamo sia solo qualcosa di rubricistico, di formale, confinato solo sui libri. Oggi, ci sono persone inchiodate sulla croce come Cristo. Oggi, ci sono martiri che pagano con la vita e ci testimoniano non odio, non vendetta ma amore.

Testimoni di speranza

D. – Dunque, sacrificare la propria vita per Cristo significa diventare testimoni dell’autentica speranza, una speranza che domani animerà la Giornata di preghiera e di digiuno in memoria dei missionari martiri. Quali frutti può dare il martirio?

R. – Credo che i frutti del martirio siano il dare senso alla vita fino a perderla. La vita è un dono talmente grande che si può anche donare fino in fondo. Si può anche perdere, ma mai togliere a nessuno. Il martirio è proprio l’antitesi dell’odio e della vendetta e noi davanti alla croce di Cristo, in vista della Risurrezione, abbiamo un messaggio di amore, di perdono, di riconciliazione, mai di odio, mai di vendetta. Allora, anche il chicco che muore produce molto frutto. Lo stiamo vedendo in tanti luoghi dove dal sangue non nasce odio, nasce amore e forse per noi costiuisce l’impegno più autentico di pace e di giustizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *