La Chiesa avrà nuovi Beati tra cui padre Popiełuszko

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Tra aprile e giugno la Chiesa proclamerà sette nuovi Beati, tra i quali padre Jerzy Popiełuszko, martire durante il regime comunista in Polonia. Lo ha reso noto l’Ufficio della Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice, che ha comunicato oggi il calendario dei prossimi riti di Beatificazione. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

Nelle vite dei nuovi Beati, devozione, carità, sofferenza e amore apostolico si uniscono sempre alla Luce del Vangelo. La strada del martirio è quella di padre Jerzy Popiełuszko, (1947-1984) cappellano del movimento “Solidarność”, brutalmente ucciso durante il regime comunista in Polonia. Il rito di Beatificazione si terrà a Varsavia il 6 giugno. Martire della fede e della libertà esortava sempre i propri connazionali a ribellarsi pacificamente alla dittatura nel nome del Vangelo. “L’uomo che dà testimonianza della verità” – diceva padre Popiełuszko – “è un uomo libero, anche in condizioni di costrizione”.

Bernardo Francisco de Hoyos

Il primo ad essere proclamato Beato, domenica prossima nella cattedrale di Valladolid, sarà Bernardo Francisco de Hoyos (1711-1735). Sacerdote della Compagnia di Gesù, morto prematuramente di tifo all’età di 24 anni, ebbe come missione quella di diffondere, in Spagna, la devozione verso il Sacro Cuore di Gesù.

Angelo Paoli

Il 25 aprile si terrà poi nella Basilica di San Giovanni in Laterano, a Roma, il rito di Beatificazione di Angelo Paoli (1642-1720), sacerdote dell’Ordine dei Carmelitani – chiamato “Padre dei Poveri” – che ha dedicato la propria vita all’Eucaristia e alla Carità. Come ha detto Giovanni Paolo II nel 1999, è stato anche il “fondatore ante literram della Caritas nel rione Monti”. Per primo collocò la Croce nel Colosseo, dando inizio al rito della Via Crucis nell’anfiteatro romano.

José Tous y Soler

Sempre domenica 25 aprile, sarà proclamato Beato nella Basilica di Santa Maria del Mar a Barcellona José Tous y Soler (1811 -1871), fondatore dell’Istituto delle Suore Cappuccine della Madre del Divino Pastore. Morì durante la Santa Messa dopo aver pronunciato queste parole: “Volgi sulla nostra offerta il tuo sguardo sereno e benigno, come hai voluto accettare i doni di Abele, il giusto…”. In quel momento si chinò e esalò l’ultimo respiro.

Teresa Manganiello

Nella Solennità di Pentecoste, sabato 22 maggio, si terrà inoltre nella Basilica di Santa Maria delle Grazie a Benevento il rito di Beatificazione di Teresa Manganiello (1849 – 1876). Sebbene priva di istruzione, fu l’artefice dell’estensione del Movimento Terziario Francescano in Irpinia e nel Sannio. Veniva chiamata, con affetto, “analfabeta sapiente” per la dedizione con cui si prendeva cura delle necessità delle persone che incontrava.

Maria Pierina De Micheli

Domenica 30 maggio sarà poi proclamata Beata nella Basilica di Santa Maria Maggiore, a Roma, Maria Pierina De Micheli (1890-1945). Religiosa della Congregazione delle Figlie dell’Immacolata Concezione di Buenos Aires, si dedicò alla propagazione della devozione del Santo Volto di Gesù. Nel suo diario scrive di aver sentito “un immenso bisogno di vivere sempre più unita a Gesù e di amarlo intensamente, perché la morte non sia che un trapasso di amore allo sposo Gesù”.

Manuel Lozano Garrido

Sabato 12 giugno si terrà infine a Linares, in Spagna, la Beatificazione di Manuel Lozano Garrido (1920-1971). Giornalista e scrittore, invalido sulla sedia a rotelle e non-vedente, è stato sempre animato da un profondo spirito eucaristico e mariano. “Il giornalista che volli essere – si legge in una sua lettera – non entrò a scuola; il piccolo apostolo che sognava di poter diventare, smise di camminare”. “Il mio ideale e la mia vocazione, però, li ho ancora davanti, con una pienezza che mai avevo potuto sognare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *