Internet, dilagano i siti legati all’occulto

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

 Internet offre sempre maggiori opportunità di informarsi, stabilire relazioni e apprendere. Ma presenta anche numerose insidie. In particolare, sulla rete si stanno diffondendo, sempre più rapidamente, siti legati al mondo dell’occulto e del satanismo. Proliferano spazi web dedicati al maligno e sui social network sono in aumento gruppi di discussione a sfondo demoniaco. Su questo preoccupante fenomeno, che colpisce soprattutto i giovani e anche i minori, si sofferma al microfono di Amedeo Lomonacodon Aldo Buonaiuto, responsabile del Servizio anti-sette della “Comunità Papa Giovanni XXIII”, fondata da don Oreste Benzi:

R. – I siti del mondo dell’occulto prolificano sempre di più. E’ un fenomeno dilagante perché purtroppo questo mezzo di comunicazione così importante si presta anche a favorire e a far veicolare queste realtà tenebrose. Le veicolano dato che non c’è nessuna regola o legge che possa far sì che un minore non acceda a siti che, inizialmente, sembrano soltanto siti che esaltano l’orrore e le cose più nefaste, ma che poi, man mano, “chattando” o navigando, si arriva anche a proposte non semplicemente oscene – il che già sarebbe grave per un minore – ma anche a forme di adescamento. Quindi, il grande pericolo è quello di partire da un mondo apparentemente soltanto virtuale per arrivare poi, invece, a quello reale, di incontri concreti. Purtroppo, al nostro numero verde nazionale anti-sette riceviamo molte chiamate e questi incontri concreti, reali, hanno devastato giovani, minori e famiglie intere.

Numero anti-sette

D. – Ricordiamo questo numero per poter chiedere anche aiuto…

R. – La “Comunità Papa Giovanni XXIII”, fondata da don Oreste Benzi, ha messo a disposizione questo numero verde nazionale, anti-sette occulte: 800228866. Un numero che serve proprio a tutti coloro che possono segnalare qualsiasi fenomeno o realtà che meriti attenzione. In questo caso, per segnalare anche quei siti che meritano di essere denunciati ed oscurati dalla Polizia postale. Molto spesso questi siti celano poi delle realtà che dovrebbero essere poste all’attenzione delle istituzioni.

Il diavolo su Internet

D. – Come opera il diavolo su Internet e come ci si può difendere?

R. – Anche il diavolo si aggiorna: non ci sono solo i siti esplicitamente satanici, ma sono diabolici anche tutti quei siti che procurano forti turbamenti alla psiche, ad un sano sviluppo e ad una sana educazione. E’ impensabile e vergognoso che si possano servire queste ‘schifose’ pietanze ai nostri minori. Questi siti dividono anche le famiglie, le coppie. Ci sono persone che stanno tutto il giorno davanti ad Internet, soffocate e imprigionate, persone che si affidano a ciarlatani, potremmo definirle “drogate” da questa macchina. L’occultismo approfitta proprio di questo tipo di siti per propagare le proprie dottrine di morte. E’ davvero inquietante che ci siano persone che vogliono relativizzare e banalizzare il fenomeno. Dobbiamo comunque sottolineare anche che non si può vedere il diavolo ovunque, ci vuole un equilibrio. Sicuramente noi cristiani, noi credenti dobbiamo far sì che ogni forma di ingiustizia ci sia insopportabile. Ecco qual è la sciagura: lasciare questa macchina così importante e utile nelle mani delle tenebre e senza nessun controllo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *