India: Giornata nazionale dei martiri

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

I cristiani dell’India celebrano oggi la “Giornata nazionale dei martiri” per ricordare sacerdoti, religiosi e laici che hanno perso la vita per la loro fede in Cristo. La Giornata è un’occasione, in particolare, per commemorare i cristiani uccisi nel 2008 in Orissa da estremisti indù. Su questa iniziativa, promossa nel nome di Cristo, si sofferma al microfono di Amedeo Lomonaco il vescovo di Nashik, mons. Felix Anthony Machado: 

R. – Il nostro Signore Gesù Cristo ci ha anche richiamato a fare il memoriale del Signore, nel senso di attuare di nuovo l’opera di salvezza in ogni Eucaristia. E, in questo senso, non possiamo dimenticare in India quello che per noi è il pellegrinaggio della Chiesa. Dobbiamo celebrare anche la vittoria del bene sul male. La Giornata deve essere un’occasione per ringraziare Dio, perché la sofferenza non è una maledizione di Dio. La sofferenza fa parte della vita di un cristiano e dobbiamo ringraziare il Signore, perché dalla Croce è germogliata la vita, la salvezza. E’ Lui che ci conduce e dobbiamo in fede camminare verso i frutti del Regno di Dio, frutti di giustizia, di pace, di riconciliazione.

Primi martiri
Frutto della riconciliazione

D. – Uno dei frutti della sofferenza non deve essere la vendetta ma la riconciliazione. E poi è importante anche sottolineare che unite nelle celebrazioni di questa Giornata sono tutte le denominazioni cristiane presenti in India…

R. – E’ una Giornata per celebrare la maturità della fede cristiana. Come noi, tutti i cristiani delle varie Chiese sono attorno alla Croce. C’è anche gente di buona volontà di altre religioni, che denuncia quello che è successo. Anche loro partecipano a questa Giornata.

Coscienza dell’India

D. – E proprio queste persone sono la coscienza dell’India, la speranza dell’India…

R. – L’India ha molto bisogno di questo e ha molto bisogno della riconciliazione in senso vero. Sulla Croce, Gesù ha abolito tutto l’odio, tutto quello che è il male. E’ questo che i cristiani devono cercare di fare. Devono allargare questo desiderio per la pace, per la riconciliazione, con tutte le persone di buona volontà.

Nel segno della Croce

D. – Dare un messaggio di speranza nel segno della Croce e anche nel nome di Madre Teresa, di cui si è celebrato proprio in questi giorni l’anniversario dei 100 anni dalla nascita…

R. – Per noi, Madre Teresa è una guida per l’Asia: una guida che ci dice come essere un missionario oggi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *