Giornata internazionale dei diritti dei disabili

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Promuovere la diffusione dei temi della disabilità e l’integrazione dei disabili in ogni aspetto della vita sociale. Sono le finalità dell’odierna “Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità” indetta dall’Onu. Ma cosa sta facendo la comunità internazionale per abbattere le barriere e promuovere l’integrazione? Amedeo Lomonacolo ha chiesto a Paolo Beccegato, di Caritas Italia:

R. – Il cammino è stato avviato ma ci sono alcune contraddizioni. Sono reduce da incontri, con vescovi e referenti Caritas dall’Asia. Quando mi espongono tutte le difficoltà complessive e in particolare anche quelle legate alla disabilità, ci sono veramente situazioni distanti anni luce dalla teoria e anche dal mondo sviluppato.

Costruire reti di solidarietà

D. – Spesso i disabili sono poveri o emarginati a causa di lacune nella società, oppure a causa di una chiusura, di una sfiducia dei disabili stessi nelle istituzioni. Come aiutare la società a costruire una rete di solidarietà, e anche i disabili ad aprirsi, a cogliere delle opportunità?

R. – In primo luogo c’è il problema del non avere paura: farsi vedere, entrare in relazione con gli altri, uscire dalle case, cancellare lo stigma e considerarsi comunque a pieno titolo persone attive e partecipanti a questa umanità. E questo aiuta perché si abbattono diffidenze, paure, pregiudizi, banalizzazioni, superficialità E poi è un discorso politico: laddove si promuovono una normativa e delle leggi, una campagna che tenda all’integrazione, all’attenzione, alla valorizzazione di queste persone che sono poi in mezzo a noi – sono molto più vicine a noi di quanto normalmente si pensi – un approccio in questa chiave educativa e culturale, in fondo politica e istituzionale, può veramente trasformare la realtà in meglio e in modo più ampio, più condiviso ed esteso a tutti.

Intervista con padre Savino Castiglione

L’odierna Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità è anche un’occasione per riflettere su possibili, molteplici forme di barriere per i disabili. Ricevendo lo scorso 20 novembre i partecipanti alla Conferenza internazionale sul tema “Effatà! La persona sorda nella vita della Chiesa” Benedetto XVI aveva affermato: “E’ la sordità dello spirito che alza barriere sempre più alte alla voce di Dio e del prossimo, specialmente al grido di aiuto degli ultimi e dei sofferenti”. Ma quale è la missione dei disabili nella vita della Chiesa e, in particolare, dei sacerdoti non udenti? Ascoltiamo al microfono di Amedeo Lomonaco padre Savino Castiglione della Piccola Missione per i Sordomuti:

R. – Rifacendoci a quello che ha detto il Papa rivolgendosi alle persone non udenti ha affermato: “Voi siete non solo i destinatari della pastorale: voi dovete essere, in virtù del vostro battesimo, anche gli annunciatori, i missionari”. Benedetto XVI ha capovolto quello che è un modo di pensare: il povero sordo, il povero handicappato, il povero disabile che è lì per ricevere. Ma il Papa ha detto: voi avete la possibilità di essere annunciatori.

L’esempio di padre Cirill Axelrod

D. – E uno straordinario esempio di missionario disabile al servizio della Parola è quello offerto dal sacerdote sordo cieco sudafricano, padre Cirill Axelrod…

R. – Lui è nato sordo, in Sud Africa. A 20 anni si è accorto della vocazione. Nel 1970 fu ordinato prete: si dedicava ai sordomuti ciechi senza sapere che dieci anni dopo sarebbe, pian piano, diventato anche lui cieco. La sua vita è stata una vita come quella di tutte le persone sorde: un camminare in salita. Ricordo poi che l’uno per mille della popolazione è sorda, queste persone vorrebbero partecipare pienamente. Diamo loro la possibilità di potere approfondire il discorso di fede nella loro vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *