Funerali in Turchia di mons. Luigi Padovese

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Proseguono in Turchia le indagini sulla barbara uccisione di mons. Luigi Padovese, vicario apostolico dell’Anatolia e presidente della Conferenza episcopale di Turchia, assassinato lo scorso tre giugno dal suo autista, Murat Altun. Alle esequie, presiedute da mons. Ruggero Franceschini, arcivescovo metropolita di Smirne, hanno partecipato ieri pomeriggio fedeli non solo cattolici. Sui funerali, che si sono tenuti nella cattedrale di Iskenderun, ascoltiamo l’inviato di Avvenire Giorgio Ferrari, intervistato da Amedeo Lomonaco:

R. – Si sono svolti in un clima di composta mestizia, con una grande partecipazione emotiva e con molta dignità. La comunità cristiana, soprattutto quella cattolica, è molto piccola. Ma non è importante il numero delle persone, quanto il fatto che la chiesa fosse gremita, che le parole pronunciate fossero parole comunque di speranza e di perdono, nonostante i dubbi e tutto ciò che sta ruotando intorno a questa vicenda che, come si sa, non è chiarissima.

Testimone del Vangelo

D. – Resta invece in piena luce la testimonianza forte al Vangelo. Su questo non ci sono dubbi…

R. – Non c’è alcun dubbio ed è forse nella mestizia la cosa più bella che è emersa dalle esequie: l’idea che, seppellita sotto lo sdegno ed anche la rabbia per una morte insensata e ingiusta, rimane comunque fortissima la testimonianza di una vita spesa non solo per gli altri, ma per attivare quel dialogo interreligioso che, sì, è stato spezzato da una coltellata, però in realtà non è stato spezzato per niente, perché continua. E come ha detto l’arcivescovo di Smirne: “Noi da qui non ce ne andiamo e non ci sarà niente che potrà offuscare la nostra decisione, la nostra speranza e la nostra fede”.

L’amicizia con i musulmani

D. – L’arcivescovo di Smirne ha ricordato anche diversi momenti significativi di questo dialogo, di questa amicizia con i musulmani da parte di mons. Padovese…

R. – Sì, mons. Padovese era molto attento a tenere sempre allacciato questo filo con la maggioranza musulmana, la quale peraltro lo rispettava, lo invitava regolarmente alle proprie feste e cerimonie religiose significative dell’anno e lui stesso era molto attento e aveva istituito una ventina di seminari, di simposi attorno al dialogo interreligioso. Quindi, è drammatica l’idea che questo filo si sia spezzato. Certamente, qualcuno lo riprenderà e lo riannoderà, non ci sono dubbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *