Emergenza educativa al centro dell’assemblea Cei

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Proseguono i lavori della 59.ma Assemblea generale dei vescovi italiani in corso in Vaticano sul tema “La questione educativa: il compito urgente dell’educazione”. Mons. Diego Coletti, vescovo di Como e presidente della Commissione Episcopale per l’educazione cattolica, ha sottolineato stamani in conferenza stampa l’urgenza di riscoprire l’autentica libertà in un tempo dominato da gravi derive. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

Mons. Diego Coletti, soffermandosi sulla questione educativa, ha sottolineato che la situazione attuale è difficile ed è attraversata da alcune derive culturali:

“I nostri ragazzi crescono in un mondo nel quale non c’è nessun perverso accusatore della loro voglia di essere persone umane. Ma di fatto c’è un’atmosfera con poco ossigeno umanistico, antropologico, per cui il vero è il sapere come si fa. Pensate all’educazione sessuale per esempio: quando tu sai come si fa, sai tutto. Il bene è ciò che incrementa il mio star bene, il mio benessere, e il bello è ciò che mi eccita, che mi emoziona”.

Libertà dell’individuo

In questo contesto ad essere mortificata è l’autentica libertà dell’individuo:

“Proprio questo provoca un desiderio ancora più grande, un anelito ancora più forte ad una vera libertà, che per essere vera deve avere un fine, uno scopo. Come il sonno della ragione, così anche una libertà senza scopo, senza fine, produce mostri”.

Libertà e incontro con Gesù

La libertà autentica – ha aggiunto mons. Diego Coletti – può risplendere solo nell’incontro con Gesù:

“A partire dalla nostra passione per Gesù e per il Vangelo, noi abbiamo ragioni ‘da vendere’ per essere messe a disposizione di tutte le persone pensanti, finalizzandole al bene comune di tutti”.

La scuola – ha detto infine il presule – deve essere l’ultimo settore al quale una società deve togliere le proprie risorse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *