Croce dell’imperatore Giustino in mostra in Vaticano

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Offrire ai visitatori la possibilità di ammirare la Crux Vaticana donata alla Sede Apostolica dall’imperatore d’Oriente Giustino II e restituita alla forma originaria dopo un meticoloso restauro. E’ l’obiettivo della Mostra “Vexillum Regis, La Crux Vaticana o Croce di Giustino” presentata stamani in Vaticano. Il prezioso manufatto sarà in mostra nella Cappella dei Beneficiati del Tesoro di San Pietro a partire da oggi e fino al 12 aprile 2010. Alla presentazione dell’iniziativa hanno partecipato, tra gli altri, il cardinale Angelo Comastri, arciprete della Basilica di San Pietro, ed il curatore della mostra Nazzareno Gabrielli, responsabile scientifico Museo del Tesoro. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

 

La Crux Vaticana o Croce di Giustino, ritorna nel Tesoro di San Pietro. Rarissimo esempio di committenza imperiale ancora conservato, fu donata alla Chiesa di Roma dall’imperatore bizantino Giustino II (565 – 578) nel VI secolo. Si tratta di un’opera che ricorda la vittoria di Cristo, come recita l’iscrizione latina incisa sulla Croce:

“Ligno quo Christus humanum subdidit hostem dat Romae Iustinus opem”…
“Con questo legno, attraverso il quale Cristo soggiogò il nemico degli uomini, Giustino II dona l’opera a Roma”.

Custodito un autentico scrigno

Il manufatto, rivestito di lamine d’argento dorato, custodisce un autentico scrigno: la Croce, arricchita da un magnifico corredo decorativo, è tempestata di gemme e perle ma la parte più preziosa è un pezzo di legno, un frammento della Croce di Gesù custodito in un medaglione incastonato all’incrocio dei bracci della Crux Vaticana. All’inestimabile valore storico ed estetico dell’opera si aggiunge, dunque, questo straordinario patrimonio di fede. Il cardinale Angelo Comastri, arciprete della Basilica di San Pietro:

“Il frammento della Croce di Gesù è il vero elemento di valore. Questa Crux Vaticana è anche la testimonianza che già nel VI secolo, Oriente ed Occidente si ritrovavano unanimi nel segno della Croce. Il cristianesimo aveva già impastato la storia dell’Europa occidentale ed orientale. E’ una testimonianza, in questo senso, della riflessione che si è fatta partendo dalla Croce sulla vera onnipotenza di Dio e l’onnipotenza di Dio è onnipotenza d’amore, onnipotenza di perdono. Questo è un fatto straordinario, che porta nel mondo soltanto il cristianesimo”.

Cardinale Comastri: il Crocifisso non è fonte di discriminazione

La Croce ha cambiato la storia del mondo e la storia è impastata nella Croce. Ma cosa dire a chi ritiene che il Crocifisso sia fonte di discriminazione? Il cardinale Angelo Comastri:

“Sta a noi cristiani dimostrare che il Crocifisso non è fonte di discriminazione. Dico che oggi le vere reliquie della Croce siamo noi: con la nostra vita dobbiamo dimostrare cos’è il Vangelo e cosa fa, perché dovunque arriva il Vangelo, quello vero, arriva anche una inondazione di carità”.

Riacquistato l’antico splendore bizantino

Il restauro del manufatto, per secoli utilizzato nelle funzioni solenni del Natale e della Pasqua, ha riacquistato l’antico e prezioso splendore bizantino. Oggi la Crux Vaticana ha recuperato la lucentezza delle superfici e la delicata doratura. L’intervento, nel rispetto dell’equilibrio tra lo stato originario e le successive manipolazioni, ha fatto riemergere la rigorosa alternanza cromatica e l’armoniosa sequenza di gemme per far risplendere il tesoro più prezioso, il frammento della vera Croce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *