Crisi umanitaria nel Caucaso

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Nel Caucaso è drammatica la situazione dei profughi: secondo la Croce Rossa Internazionale, gli sfollati sono almeno 40 mila. Sulla situazione dei profughi in Georgia ascoltiamo, al microfono di Amedeo LomonacoGiulia Laganà, dell’Ufficio Stampa dell’ACNUR, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati:
 
R. – “La situazione, al momento, è abbastanza confusa e le informazioni in nostro possesso non sono molto precise per quanto riguarda il numero di persone costrette a fuggire dalle proprie case, sia verso l’Ossezia del Nord sia dall’Ossezia del Sud, dove si svolgono i combattimenti. Altri poi fuggono dall’Ossezia del Sud verso le altre località della Georgia. Quello che sappiamo, da quello che riferiscono le autorità è che si tratta di parecchie migliaia di persone sia verso nord che verso sud”.

Impegno del Pam

“Le nostre attività, per il momento, si sono limitate ad offrire ai governi della Federazione Russa e della Georgia la nostra disponibilità ad entrare in azione e ad offrire assistenza umanitaria. Finora, i governi non ci hanno chiesto aiuto e noi comunque siamo pronti con una serie di kit di emergenza, soprattutto per quanto riguarda gli alloggi e i ripari di emergenza; si tratta di beni non alimentari che vengono invece forniti dal PAM, il Programma Alimentare Mondiale”.

Creazione di corridoi umanitari

D. – Per aiutare le persone in fuga dagli scontri l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha chiesto la creazione di un corridoio e un accesso umanitario in Ossezia del Sud…

R. – Ieri l’Alto commissario Antonio Guterres ha chiesto ai governi sia della Federazione Russa che della Georgia di aprire due corridoi umanitari: uno verso nord, in Ossezia del nord, e uno verso sud, in Georgia. In tarda serata i governi hanno risposto positivamente. Sono stati aperti questi corridoi umanitari che permetteranno sia alla popolazione civile di fuggire verso luoghi più sicuri, sia agli operatori umanitari di avere accesso a queste persone in condizioni di incolumità, garantendo anche che non vengano feriti o uccisi operatori umanitari e anche giornalisti.

Sicurezza della popolazione

D. – Per rendere virtuosi questi corridoi è essenziale che le parti rispettino i principi umanitari e garantiscano la sicurezza della popolazione. In questo senso avete delle rassicurazioni?

R. – I governi hanno offerto rassicurazioni. Resta da vedere se le parti in causa rispetteranno questi principi; noi ovviamente ce lo auguriamo. La situazione, certo, è molto difficile, anche perchè le parti in causa sono più d’una, vi sono anche ribelli separatisti in gioco, quindi ci auguriamo che tutti rispettino questi principi e questa promessa di garantire l’incolumità dei civili e degli operatori umanitari. Noi, come ACNUR, abbiamo sei uffici in Georgia e siamo responsabili per una popolazione che già prima della guerra oscillava sulle 275 mila persone tra sfollati interni e rifugiati. E’ una situazione pregressa, molto complessa nella zona del Caucaso.

Il caso dell’Abkhazia

D. – Cosa può determinare l’eventuale ingresso nel conflitto anche dell’Abkhazia?

R. – Questo procurerebbe un ulteriore numero di rifugiati e di sfollati verso la Georgia e verso altre regioni della Federazione Russa. Noi ci auguriamo che il conflitto non si estenda e non si acuisca, soprattutto per quanto riguarda questi civili già duramente provati da decenni di conflitti e di situazioni di sradicamento. In tutte queste repubbliche autonomiste o regioni della Georgia, dei Paesi confinati della Federazione Russa, ci sono consistenti popolazioni che sono rifugiate ormai da 15 anni o anche di più. Un ulteriore sfollamento sarebbe per loro un trauma e un’ulteriore difficoltà in una situazione già molto difficile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *