Convegno TEDx, intervento del card. Ravasi

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

La libertà religiosa è essenziale per costruire una società fondata sulla giustizia e sulla convivenza pacifica. E’ questa la comune convinzione espressa dai relatori intervenuti oggi al convegno TEDx (Technology, Entertainment, Design) patrocinato dal Pontificio Consiglio per la Cultura ed incentrato quest’anno sul tema “La libertà religiosa oggi”. Alla conferenza TEDx, ospitata per la prima volta in Vaticano, partecipano, tra gli altri, rappresentanti del mondo della cultura, della scienza, della musica e dello sport. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

Il convegno propone testimonianze, da ogni parte del mondo, per affrontare il tema della libertà religiosa dal punto di vista di tradizioni, culture e fedi diverse. Giovanna Abbiaticuratrice di TEDx:

“Quello che abbiamo fatto, certamente, è portare questo discorso sulla libertà religiosa a livello delle persone comuni. Abbiamo ‘mescolato’ leader religiosi, come il rabbino David Rosen, ma anche persone del campo dell’arte, abbiamo un writer, che disegna graffiti, che è musulmano; abbiamo dei grandi collezionisti che si occupano proprio di collezionare pezzi d’arte della propria civiltà, di una civiltà ricchissima come quella dell’Islam; così come missionari, architetti… Abbiamo cercato un po’ di rappresentare tutti i campi della realtà, di sentire la loro voce su questo argomento, dalla loro esperienza di vita, di professione, di ruolo nella società”.

Card. Ravasi: libbertà religiosa è una necessità

La libertà religiosa – si legge nel messaggio del cardinale Gianfranco Ravasi letto durante il convegno – non è un’opzione ma una necessità. Il 65% della popolazione del mondo – sottolinea il presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura – vive in Paesi dove c’è una restrizione della libertà religiosa. Ci sono Paesi – ricorda il porporato – in cui si assiste a delle vere e proprie persecuzioni, ma anche nelle società più democratiche “si assiste a restrizioni della libertà religiosa”, quando per esempio i medici sono forzati a praticare l’aborto.

In Nigeria violenze e tensioni

Il frate agostiniano Edward Daleng si è soffermato sulla situazione della città nigeriana di Jos, negli ultimi anni scossa da violenze e tensioni che hanno alimentato crescenti e drammatiche divisioni tra cristiani e musulmani. Ci sono tante difficoltà – ha spiegato il religioso – ma si possono costruire ponti di pace: vedere persone di fedi diverse che si riconciliano, anche grazie all’impegno di diverse organizzazioni e dei frati agostiniani, è un segno tangibile di speranza.

Fede e scienza non in conflitto

Il religioso gesuita e scienziato statunitense, Guy Consolmagno, ha poi ricordato che la sua scoperta più importante risale a tanti anni fa, quando ha incontrato, in Kenya, abitanti di isolati villaggi rurali incantati dall’idea di imparare l’astronomia. La fame più profonda degli uomini – ha detto – è il desiderio di conoscenza. E lungo questo cammino scienza e fede non sono in conflitto:

“La scienza e la fede non sono in conflitto. Per me la scienza è un esempio di come si può perseguire lo stesso obiettivo: la verità. Si può anche usare la scienza come un’altra fede, ma questo è un abuso non solo della fede, ma anche della scienza”.

Nel mondo oltre 5 miliardi di persone limitate nella libertà religiosa

Il ricercatore Brian Grim ha inoltre mostrato alcuni significativi dati della sua indagine sulla libertà religiosa nel mondo. Oltre 5 miliardi di persone sono soggette a limitazioni nella libertà religiosa ed il 76% dei 198 Paesi presi in esame – ha detto Grim – hanno promosso iniziative per ridurre la libertà religiosa. Il rabbino David Rosen ha sottolineato che la parola religione viene abusata ogni volta che questa si mescola con il potere e quando viene utilizzata per scopi contrari alla pace, all’armonia, alla giustizia.

TED è una organizzazione no-profit che ha come obbiettivo, anche attraverso specifiche conferenze come quella odierna, di “diffondere idee che hanno valore”. Il sito www.ted.com è uno tra i più visitati con oltre un milione e mezzo di contatti al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *