Comunità di Taizé, raduno a Poznan

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Oltre 30 mila giovani, provenienti da diversi Paesi dell’Europa e anche da altri Continenti, hanno partecipato a Poznan, in Polonia, al 32.mo “pellegrinaggio di fiducia sulla terra” organizzato dalla Comunità di Taizé. L’iniziativa, che si è conclusa oggi, si è rivelata un’importante occasione per ribadire, anche attraverso il prezioso contributo di numerose testimonianze, l’impegno in favore della pace attingendo alla Luce del Vangelo. Per un bilancio sull’incontro di Poznan ascoltiamo frère John, della Comunità di Taizé, intervistato da Amedeo Lomonaco:

R. – L’accoglienza nelle famiglie è stata veramente straordinaria. Tutti i 30 mila partecipanti sono stati accolti in famiglie. Poi si sono ritrovati il mattino nelle parrocchie e in fiera il pomeriggio e la sera. I giovani – che venivano principalmente da Paesi dell’Occidente – hanno capito che in Polonia la tradizione della fede cattolica è ancora molto viva, anche nei giovani, anche se – come accade ovunque – ci sono dei cambiamenti.

Solidarietà tra i popoli

D. – A Poznan, dunque, 30 mila giovani hanno approfondito la loro fede in Dio e sperimentato la condivisione. Da questo laboratorio quale società può nascere?

R. – Noi speriamo davvero che tutto questo possa creare solidarietà, comunione tra i popoli europei, ma anche di altri continenti. Per noi, per chi crede in Cristo, questo si radica nella fede, nella profonda fiducia in Cristo. Si spera molto, con questi incontri, di favorire questa presa di coscienza. E’ tempo per i giovani di stare insieme ma soprattutto di riscoprire la fede in Gesù Cristo. Abbiamo fatto un incontro, l’ultimo giorno con i giovani di ciascun Paese e abbiamo avuto delle testimonianze soprattutto dal gruppo che veniva dall’Aquila. Loro hanno portato la loro testimonianza sul post-terremoto, su quello che stanno facendo. Si è trattato di un’esperienza molto toccante. C’era ad esempio una ragazza aquilana che ha detto: “Io ho perso tutto. Ho perso il lavoro, la casa ma non ho perso la fede perché ho capito che è proprio questa fede che mi permette di continuare”. Sentire questa testimonianza è stato molto forte per gli altri giovani.

Prossime tappe del Pellegrinaggio di fiducia

D. – In questo itinerario di fede quali sono le prossime tappe del pellegrinaggio di fiducia sulla Terra?

R. – Il prossimo incontro europeo ci sarà l’ anno prossimo, in Olanda, a Rotterdam. E’ la prima volta che si organizza in Olanda. Prima sono previsti altri incontri. C’è un incontro nelle Filippine nel mese di febbraio e poi un secondo incontro latinoamericano a dicembre a Santiago del Cile. Incontri ci saranno, quindi, durante tutto l’anno in varie parti del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *