Argentina: Colletta “Más por Menos”

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Benedetto XVI invita gli argentini a partecipare alla 40.ma edizione della Colletta “Más por Menos”, che quest’anno si svolgerà il prossimo 13 settembre in Argentina. Il Papa auspica che la colletta, incentrata sul tema “Più solidarietà per una minore esclusione”, possa contribuire a “ridurre lo scandalo della povertà”. Ma quali sono oggi le cause principali della povertà in Argentina e in America Latina? Amedeo Lomonaco lo ha chiesto al nostro collega Luis Badilla, esperto di questioni latinoamericane:

R. – La povertà in Argentina è un problema tanto grave, come lo è in tutta l’America Latina. E’ una povertà che si riferisce sia a quella parte della popolazione argentina e latino-americana che vive al di sotto del livello minimo di sopravvivenza dignitosa sia a quella parte dei cosiddetti impoveriti. A quei ceti sociali cioè che, per via della crisi, hanno perso capacità o il potere di acquisto. Oggi si trovano ad ingrossare l’esercito dei poveri.

Povertà in America latina

D. – Lo scandalo della povertà, acuito dalla crisi economica mondiale, colpisce dunque non solo l’Argentina, ma diversi Paesi dell’America Latina. Come possono collaborare i governi e la Chiesa in questo Continente, per combattere contro questo flagello della povertà?

R. – Per la Chiesa – lo dice il Santo Padre nella sua enciclica Caritas in veritate – il problema fondamentale è quello di mettere in piedi strategie in grado di abbattere l’iniquità sociale. Il problema fondamentale della povertà latino-americana è infatti quella dimensione di iniquità che la rende più scandalosa. Quando il Papa parla agli argentini di scandalo della povertà, riferendosi sicuramente a tutta l’America Latina, sta pensando soprattutto al fatto che sono nazioni in cui ci sono persone che non hanno nulla da mangiare. Si calcola, per esempio, che in Argentina almeno l’11 per cento dei bambini vada a letto senza mangiare. Ci sono poi bambini che devono fare diete per dimagrire perché mangiano troppo. Questo è lo scandalo ed è a questo che si riferisce il Papa.

Cultura dell’indifferenza

D. – Di fronte a questo scandalo ci sono poi realtà dell’America Latina che non si scandalizzano…

R. – Certo, l’indifferenza è un altro scandalo. Ci sono coloro che fanno finta che nulla stia succedendo. Possono essere parte della classe governante, membri del crimine organizzato, del narcotraffico. Il loro è un comportamento di totale indifferenza o addirittura di sfruttamento del povero. Usano il povero e la sua disperazione, come nel caso dell’usura, nel caso delle povertà morali o spirituali, e come nel caso del narcotraffico che costringe un adolescente latino-americano a vivere senza lavoro, senza futuro, senza educazione, senza mangiare, nell’illusione che la droga risolva il problema.

La forza della solidarietà

D. – Per vincere anche questa forma di indifferenza, la solidarietà può essere uno strumento efficace anche in questi tempi di recessione…

R. – La solidarietà e la giustizia sono le basi senza le quali difficilmente si può superare la povertà. Per superare la povertà occorre il consenso sociale. Per promuovere il consenso sociale occorre che ci sia un insieme di valori condivisi. Quelli più condivisibili sono appunto la fraternità, la solidarietà e la giustizia. E’ poi importante ricordare e ribadire, con le parole del Papa, che la questione fondamentale riguarda la necessità di giuste strutture. Si supera la povertà solo se esistono strutture giuste. Ma come dice Benedetto XVI nell’enciclica Caritas in veritate, le strutture giuste non nascono dal nulla, nascono dal cuore giusto. La cosa fondamentale è quindi il cuore giusto, capace di generare strutture giuste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *