Cardinale Antonelli: si sostenga la famiglia

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Testimonianze, canti ed interventi di religiosi e laici hanno scandito ieri a Città del Messico la prima giornata dell’Incontro mondiale delle famiglie. Aprendo il Congresso teologico pastorale, il presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, cardinale Ennio Antonelli, ha illustrato la visione della Chiesa sull’istituto familiare. La Famiglia – ha detto – è la “scuola più efficace di umanità e di vita cristiana”, una comunità stabile di vita e di amore “che armonizza nella comunione le differenze costitutive dell’essere umano”. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

Ricordando attuali gravi difficoltà, tra cui l’emergenza educativa ed una sempre maggiore “frattura tra le generazioni”, il cardinale Ennio Antonelli ha affermato che la famiglia ha il diritto e il dovere di educare e formare. I figli hanno bisogno di apprendere gradualmente il giusto utilizzo della libertà, ma anche gli adulti – ha aggiunto – a loro volta possono ricevere molti stimoli positivi per un’educazione permanente.

La famiglia come dono

L’arcivescovo di Città del Messico, cardinale Norberto Rivera Carrera, ha poi lanciato una sfida: quella di “vedere la famiglia come un dono per la società umana”, una società che ha bisogno nel suo cammino di essere illuminata da valori spirituali.

Matrimonio e famiglia, legame imprescindibile

Per avanzare in questo percorso – ha spiegato il porporato – la Chiesa sostiene e promuove il matrimonio tra uomo e donna, origine della famiglia. Padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia, ha affermato infine che si devono riscoprire “l’ideale biblico del matrimonio e della famiglia” come immagine dell’amore di Dio: “Due persone che si amano – ha detto – riproducono qualcosa di ciò che avviene nella Trinità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *