Benedetto XVI ad Auronzo di Cadore

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Un gruppo di bambini con in mano dei fiori gialli all’esterno della Chiesa di Santa Giustina e, all’interno, circa 400 sacerdoti delle diocesi di Belluno-feltre e di Treviso. E’ questa la scena che Benedetto XVI ha trovato arrivando nella tarda mattinata di oggi ad Auronzo di Cadore, per il suo atteso incontro con il clero locale. Subito dopo l’incontro con il clero, Benedetto XVI ha rivolto un discorso a quanti lo hanno atteso davanti alla Chiesa di Auronzo. Ascoltiamo, al microfono, di Amedeo Lomonaco, l’inviato del quotidiano “Avvenire”, Salvatore Mazza:

R. – E’ stato un momento molto spontaneo. Il Papa ha detto: “Sono lieto di salutarvi in questo posto magnifico, mi ha offerto riposo non solo al corpo ma anche nell’animo, in questa bellissima terra delle Dolomiti. Il Santo Padre ha poi aggiunto: “Ho avuto la possibilità di respirare non solo quest’aria che ci ha dato il Creatore, ma anche quest’aria di amicizie e di cordialità della quale sono gratissimo a tutti voi”. Parole anche qui molto spontanee, molto calorose con le quali il Papa ha voluto ringraziare per l’ospitalità ricevuta.

Festosa accoglienza per il Papa

D. – E all’arrivo ad Auronzo di Cadore, il Papa è stato accolto da oltre tremila villeggianti e residenti. E’ la prima volta che un Papa si reca ad Auronzo, per il paese del Cadore è una visita storica…

R. – Certamente. E’ stato come al solito un’accoglienza calorosissima che poi il Papa ha avuto modo di sottolineare. C’erano forse più di tremila persone nella piazza di fronte alla chiesa dove si è svolto l’incontro con i sacerdoti. Era praticamente piena già alle nove di questa mattina e la gente ha aspettato pazientemente più di tre ore che il Papa finisse l’incontro.

L’incontro con un gruppo di anziani

D. – In particolare, il Papa ha stretto la mano ad un gruppo di anziani disabili e ai bambini della scuola materna…

R. – Il primo gruppo che ha salutato erano questi anziani e questi disabili che stavano sulla sinistra del portone di ingresso e subito dopo ha raccolto l’omaggio di una ventina di bambini che erano lì, la più piccola di tutti, vestita in costume, gli ha donato un cesto di fiori alpini. Il Papa anche qui li ha salutati uno per uno, li ha accarezzati e poi finalmente è entrato dentro la chiesa dove c’erano i 400 sacerdoti delle due diocesi di Belluno-Feltre e di Treviso che lo aspettavano.

Incontri del Papa con residenti e villeggianti

In questi giorni di riposo nel Cadore, Benedetto XVI ha anche incontrato in diverse occasioni residenti e villeggianti. Si è trattato sempre di incontri molto spontanei e semplici avvenuti, in genere, nel tardo pomeriggio durante le sue passeggiate. Anche ieri il Papa ha salutato e scambiato qualche battuta con alcune persone. Il servizio di Amedeo Lomonaco

 

Benedetto XVI ha lasciato ieri sera la villetta di Lorenzago per raggiungere il lago del Centro Cadore. Lungo la strada che costeggia lo specchio d’acqua, all’ombra dei boschi di conifere, il Papa ha recitato il Santo Rosario.

La testimonianza di un ciclista

Nei pressi della chiesa della Madonna della Salute, Benedetto XVXI ha poi incontrato alcuni ciclisti e podisti che percorrevano il lungolago. Ascoltiamo la testimonianza di uno di loro, Marcello De Deppo:

R. – Io sono andato, come al solito, a fare una passeggiata lungo il lago, non sapendo certamente di dover incontrare il Papa. Ad un certo punto, ho visto una veste bianca che veniva avanti: “Non sarà per caso il Papa?”, ho detto tra me e me. L’ho visto a 50 metri e mi sono messo un po’ in disparte e ho messo le mani giunte al petto. Lui mi ha visto, si è diretto verso di me e il segretario ha detto al poliziotto: “Lasci, lasci andare”. Allora si è rivolto verso di me, io sono andato avanti e ho detto: “E’ il Signore che ci ha fatto incontrare”. E lui ha risposto: “La Provvidenza divina è grande”. Per me è stata un’emozione indescrivibile, perché sono anche molto religioso. Sono passato all’improvviso dai pensieri della passeggiata all’incontro, inaspettato, con il Santo Padre. Mi sono veramente emozionato. Per tutta la notte ho pensato al Papa…

Il saluto del Papa ad una donna

Durante la passeggiata intorno al lago, il Papa si è fermato per salutare anche una donna, Rosanna Coffen, che descrive così l’emozione per questo inaspettato incontro con il Santo Padre:

R. – Quando siamo arrivati vicino al campo sportivo, c’erano due poliziotti e gentilmente – perché sono delle persone molto gentili anche le guardie del corpo – mi hanno detto: “Signora, se vuole, può passare a piedi”. Quando sono arrivata quasi vicino al capitello della Madonna del Suffragio, ho visto una persona vestita di bianco in mezzo agli alberi che veniva verso di me e mi sono resa conto che era il Santo Padre. Mi sono emozionata tantissimo perché il Santo Padre mi è venuto lui stesso incontro e mi ha detto: “Anche lei signora sta passeggiando?” ed io ho risposto di “sì”. Gli ho baciato la mano e mentre stavo per inginocchiarmi, lui mi ha fatto segno di rimanere alzata. Dopo, padre Georg mi ha dato la coroncina del rosario. E’ stata un’emozione grandissima che penso di non poter provare più nella mia vita.

Il ritorno a Lorenzago

Al ritorno, il corteo papale ha attraversato il comune di Domegge, dove si trova il lago, ed è quindi tornato a Lorenzago. Qui, Benedetto XVI ha salutato le persone che lo attendevano lungo la strada: ha accarezzato la testa di alcuni bambini, ha benedetto i presenti e, quindi, è rientrato nella villetta.

Foto:

By John Fowler from Placitas, NM, USA (Auronzo di Cadore, ItalyUploaded by PDTillman) [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *