Assalto alla sede del Parlamento palestinese

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Nei Territori Palestinesi, è degenerato in un nuovo assalto alla sede del Parlamento palestinese, il corteo funebre per le esequie di tre bambini rimasti uccisi in una sparatoria, avvenuta stamani a Gaza. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

Una miscela esplosiva, alimentata da un sanguinoso blitz e da violente manifestazioni di protesta davanti al Parlamento, ha inasprito nei Territori Palestinesi le già forti tensioni tra sostenitori del partito radicale al governo, Hamas, e quello moderato del presidente Abu Mazen, al Fatah. La causa scatenante di questo ulteriore, preoccupante deterioramento della situazione è stato un drammatico agguato compiuto, stamani, davanti ad una scuola a Gaza. Uomini armati hanno sparato e ucciso tre bambini, figli di un funzionario dell’intelligence palestinese, vicino al presidente Abu Mazen.

Manifestazioni e tensioni a Gaza

Secondo gli inquirenti si è trattato di un attacco, ancora non rivendicato, che non aveva come bersaglio i figli dell’alto dirigente. In base alle prime ricostruzioni, i bambini sarebbero stati raggiunti, infatti, da colpi di arma da fuoco che avevano in realtà, come obiettivo, gli agenti di guardia dell’istituto scolastico, appartenenti ad Hamas. L’orrore e lo sdegno che hanno accompagnato, poco dopo, i funerali delle piccole vittime è degenerato in rabbia. Una rabbia che ha portato centinaia di persone a manifestare, a Gaza, davanti al Parlamento palestinese.

Polemiche nei Territori

La sede dell’Assemblea è stata quindi raggiunta da diversi spari ma non è chiaro, al momento, se ci siano state vittime. Nei Territori crescono, intanto, le polemiche per la decisione di Israele di non concedere ad una delegazione dell’ONU, guidata dal vescovo anglicano e premio Nobel per la pace Desmond Tutu, il visto per entrare a Gaza. La delegazione avrebbe dovuto indagare sul drammatico attacco, sferrato per errore dall’artiglieria israeliana lo scorso 8 novembre a Beit Hanun e costato la vita a 19 civili palestinesi.

Foto:

By Sarah Tzinieris [CC BY 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *