Annuncio visita di Benedetto XVI a San Giovanni Rotondo

© Amedeo Lomonaco, Radio Vaticana ●

Benedetto XVI sarà a San Giovanni Rotondo nel 2009 per rendere omaggio alla salma di San Pio da Pietrelcina. Lo ha detto il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, che ha presieduto questa mattina la celebrazione eucaristica a San Giovanni Rotondo, nel giorno della memoria liturgica del santo e nel 40.mo anniversario della sua morte. Il servizio di Amedeo Lomonaco:

 

Il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone ha portato la benedizione di Benedetto XVI annunciando la sua visita a San Giovanni Rotondo:

“Benedetto XVI mi ha detto di annunciarvi che tutto è predisposto. Il Santo Padre verrà volentieri a San Giovanni Rotondo nel 2009”.

Fedeltà al Vangelo e sguardo verso il regno dei cieli

Nel tratteggiare la figura di San Pio, il cardinale Bertone ha sottolineato due fondamentali riferimenti nell’itinerario di fede del frate di Pietrelcina: la fedeltà al Vangelo ed il costante orientamento verso il regno dei cieli. Padre Pio, che continua a vivere nel mistero di Gesù morto e risorto, “fu discepolo di Cristo che non cercò altro vanto se non amare e soffrire per Lui”. “Fu sacerdote – ha affermato il porporato – che non cercò altro che consumarsi nell’amore per Dio e i fratelli”:

“Fu della Chiesa figlio sincero che anche nelle occasioni più dolorose preferì non difendersi, morendo a se stesso sepolto nel silenzio docile dell’obbedienza lacerante ma feconda”.

Anniversario delle prime stimmate

Un’altra ricorrenza che contribuisce a rendere l’odierna celebrazione più significativa – ha poi osservato il cardinale Tarcisio Bertone – è il 90.mo anniversario, quest’anno, delle prime stimmate: anche attraverso il sacrificio eucaristico, incarnato in lui grazie al dono delle stimmate – ha spiegato il porporato – Padre Pio “riproduceva visibilmente l’immagine del Crocifisso”. Sembravano ancora indicare fisicamente – ha affermato – il “prezzo di sangue pagato da Cristo ogni volta che amministrava il sacramento del perdono”. Le stimmate – ha aggiunto il cardinale – ricordavano “a chi chiedeva intercessioni o miracoli, quanto costassero quelle ‘grazie’ che Dio con generosità distribuiva”.

Padre Pio è come un canale d’acqua zampillante

In questi 40 anni trascorsi dalla morte, si è assistito al rinnovarsi della misericordia di Dio per l’intercessione di San Pio a favore di tanti suoi devoti: egli – ha detto il porporato – è “come un canale d’acqua zampillante, ricco, dalla cui sorgente tutti possono bere l’acqua fresca della verità e dell’amore che il Signore offre a tutti in abbondanza”. Questo – ha spiegato il cardinale Bertone – Padre Pio lo fece anche in vita:

“Quanti infatti lo hanno avvicinato e si sono convertiti; quanti si sono sentiti accolti da lui come fratelli e sorelle; quanti si sono sentiti abbracciati, a volte persino fustigati dall’esigente tenerezza di Dio operante tramite un suo docile strumento di misericordia!”.

Padre Pio e la Santa Messa

La sintesi della vita di Padre Pio è racchiusa nella Santa Messa, nella celebrazione quotidiana dell’Eucaristia. Il frate di Pietrelcina ha sempre esortato all’incontro con Gesù. Un incontro che deve avvenire senza riserve, come lo stesso San Pio sottolinea in questa registrazione:

“Amiamo senza riserva alcuna neppure in vista del premio che il Signore ha serbato per noi – quella è una conseguenza – facendo nostro il motto dell’apostolo Paolo il quale ci dice: non voglio sapere altro se non di Gesù e di Gesù Crocifisso”.

Foto:

Itto Ogami [CC BY 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/3.0)], via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *